Alghero, alghe in putrefazione: l’odore è insopportabile

Si moltiplicano le lamentele per i disagi causati dagli accumuli di posidonia Tutte le soluzioni proposte per smaltirle finora sono rimaste nel cassetto

ALGHERO. L'argomento è oggetto di discussione da anni, forse da decenni, ma fino a oggi il problema non è stato mai affrontato in termini risolutivi. Si parla della posidonia spiaggiata e accumulata con i mezzi meccanici sulla via Garibaldi, dalla radice del porto turistico e fino all'arenile di San Giovanni. Praticamente in piena area urbana. Cumuli giganteschi che con il caldo e per il lento procedimento naturale vanno in decomposizione. Succede così che in assenza di vento, soprattutto nelle ore serali e notturne, da quei cumuli si diffondono effluvi maleodoranti provocando disagi, proteste, che purtroppo si rivelano inutili.

Non è raro vedere qualche turista che al rientro da una passeggiata, all'altezza delle montagne di alghe, porta un fazzoletto al naso e affretta immediatamente il passo.

Tra l'altro, e anche questo è un processo naturale, quella massa in costante putrefazione è un continuo richiamo per insetti che in quel sito particolare trovano l'ambiente ideale per riprodursi. Vale la pena ricordare che l'area urbana adiacente le alghe è ricca di residenze abitative anche di pregio, da attività ricettive, bar e ristorazione con tanto di tavolini all'esterno dei locali. Inevitabilmente i gestori sono spesso oggetto di lamentele da parte dei clienti, compresi quelli locale per quanto ormai abituati a questi odori.



Una condizione che non depone a favore del ruolo di città turistica che la Riviera del Corallo vuole svolgere nel contesto internazionale dell'industria delle vacanze.

Succede anche che proprio a causa di questa situazione piuttosto precaria, la spianata delle alghe di via Garibaldi diventi luogo per estemporanei depositi di sacchetti di spazzatura, e altri rifiuti, e quindi anche motivo di richiamo per cani randagi. Zecche comprese.

Sempre da decenni si parla della soluzione del problema: caricare le alghe su chiatte e portarle al largo, utilizzarle in agricoltura come fertilizzanti, con attestati scientifici che ne confermano preziosi vantaggi per i terreni posti a colture, l'adozione di impianti specifici in grado di eliminare dalle alghe i granelli di sabbia e quindi non impoverire gli arenili, stoccaggi in contesti regolarmente autorizzati anche per il successivo trattamento: tante ipotesi ma che fino a oggi non hanno avuto alcuna adozione concreta.

Non è poi secondario il fatto che l'eliminazione del problema porterebbe al recupero di importanti quote di litorale sabbioso da destinare alla balneazione. Un patrimonio di assoluto valore anche in termini economici.


 

TrovaRistorante

a Alghero Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista