Vai alla pagina su Lavoro

Il Parco stabilizza dieci dipendenti

Le domande di assunzione entro il 5 aprile: i candidati devono aver lavorato a Porto Conte per 3 anni

ALGHERO. Dopo aver superato una fase di assestamento di tipo economico finanziario e aver avviato una concreta programmazione delle attività istituzionali, il Parco regionale di Porto Conte si appresta a mettere a segno un rilevante passo avanti che gli garantirà livelli operativi stabili e finalmente definiti.

L'istituzione di Tramariglio guidata dal presidente Gigi Cella e dal direttore generale Mariano Mariani, con l’assemblea della riserva costituita dal consiglio comunale algherese, sta infatti procedendo al risanamento di una situazione di precarietà complessiva che riguarda i propri dipendenti.

Scadranno infatti il 5 aprile, entro le ore 10.30, i termini per la presentazione delle domande di ammissione alla procedura di selezione indetta dal Parco per l’assunzione a tempo indeterminato di 10 unità lavorative.

Le figure professionali individuate dalla dirigenza di Casa Gioiosa sono: un istruttore direttivo legale, uno amministrativo, uno contabile, uno tecnico ambientale, e ancora un addetto tecnico ambientale, 2 amministrativi e 3 istruttori tecnici educatori ambientali.

La particolarità di questa selezione che comporterà complessivamente 10 assunzioni riguarda il personale già dipendente in regime di precariato con contratti a termine e a intermittenza, che ha mandato avanti l'azienda parco per alcuni lustri pur senza alcuna stabilità contrattuale.

Infatti sono ammessi alla procedura di selezione coloro i quali, successivamente alla data di entrata in vigore della legge 124 del 2015, siano titolari di un contratto di lavoro flessibile con il Parco di Porto Conte e abbiano maturato, alla data del 31 dicembre 2017, almeno tre anni di contratto, anche non continuativi, negli ultimi 8 anni, sempre nell'ente di Casa Gioiosa si intende.

Una vera e propria azione di stabilizzazione che oltre a restituire serenità al personale in quanto andrà a cancellare in via definitiva quella condizione di incertezza, costituirà una base di partenza di tipo operativo funzionale alle diverse esigenze della riserva naturale.

Decisione che, dati i tempi, può essere considerata anche un atto di coraggio. L'azienda
regionale avrà ora la possibilità di programmare il proprio futuro partendo da riferimenti occupazionali più certi. Il tutto avviene mentre il Parco fa decollare la fortunata iniziativa di attrazione verso la riserva naturale intitolata “Emozioni di Primavera”. (g.o.)



TrovaRistorante

a Alghero Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro