Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

A Pivarada in funzione le nuove reti idriche

Domani le squadre di Abbanoa completeranno i lavori. Interruzioni idriche dalle 8.30 alle 14

ALGHERO. Entrano in funzione le nuove reti idriche. Domani le squadre di Abbanoa completeranno i collegamenti delle condotte realizzate di recente in via Logudoro. Gli interventi iniziati il mese scorso consentiranno di eliminare le vecchie condotte in ferro, sostituite con quelle in ghisa sferoidale con diametri vari in base alle reali esigenze, così da garantire le migliori performance possibili. Saranno rifatti gli allacci alle utenze. Si tratta di lavori compresi nel maxi appalto da due milioni e mezzo di euro finanziato con i fondi Cipe 27, destinati a opere strategiche nel settore idrico.

L’intervento di domani richiederà la sospensione temporanea dell’erogazione dalle 8.30 alle 14 nel quartiere della Pivarada, precisamente nella zona tra via Vittorio Emanuele, via Garibaldi, via XXIV maggio e via Amsicora. Da diversi anni Abbanoa sta portando avanti con il Comune un importante piano di efficientamento delle reti idriche e di quelle fognarie. Abbanoa sta sostituendo ad Alghero quasi tre chilometri e mezzo di condotte e centinaia di allacci alle utenze. Si sta procedendo alla completa riqualificazione della rete primaria di distribuzione idrica costituita da vecchie condotte di 250 millimetri di diametro, interessate da frequenti e rovinose rotture e ingenti perdite idriche, tanto da richiedere numerosi interventi delle squadre di Abbanoa. Gli interventi di sostituzione programmati interessano anche via Giovanni Spano, via Sebastiano Satta tra via Diaz e via Vittorio Emanuele e tra via Mazzini e via Sant’Agostino, via Mazzini, via Cagliari, via Giovanni XXIII, via Pascoli, via Nazioni Unite, via Rockefeller e via Ennio Porrino.

Le nuove infrastrutture saranno georeferenziate, per una migliore gestione e una precisa individuazione, una volta interrate. (g.m.s.)