Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Interventi sulla banchina e sul mercato ittico

Sui moli per la piccola pesca saranno realizzati un cancello e punti luce e acqua Verrà migliorata l’efficienza energetica e rifatto l’impianto di illuminazione

ALGHERO. Dopo aver annunciato il rilancio del mercato del primo pescato, il Comune di Alghero raddoppia. Oltre al progetto pilota con cui si insedieranno nella struttura portuale gli operatori delle associazioni agricole che già gestiscono mercatini e altri spazi per la vendita diretta, il piano dell’amministrazione comunale per rilanciare la pesca prevede un investimento da 130mila euro per il restyling del mercato, ma anche dei pontili riservati agli operatori. Si tratta di soldi provenienti dai finanziamenti Feamp specificamente dedicati a porti, luoghi di sbarco, sale per la vendita all’asta e ripari di pesca nell’ambito delle misure adottate per rendere la pesca sostenibile, efficiente, innovativa, competitiva e basata sulle conoscenze. Si provvederà all’efficientamento energetico del mercato del primo pescato e si procederà col restyling complessivo dei pontili adibiti allo sbarco del pesce. Nel mercato sarà installato un impianto fotovoltaico e sostituite le lampade presenti con i led, si realizzeranno ingressi “a bussola” per evitare sbalzi termici e sarà sistemata una pellicola oscurante e riflettente sulle vetrate esposte al sole. La struttura sarà dotato di apposita cella per lo stoccaggio dei rifiuti marini in attesa di essere smaltiti. Ma l’intervento servirà soprattutto per rendere fruibili i due pontili dedicati allo sbarco del primo pescato da parte degli operatori, che ora sono inutilizzabili. Saranno realizzati i cancelli per limitare l’ingresso solo a loro e saranno installati due punti per l’acqua e la luce, necessari all’attività di sbarco del pesce, per contribuire alla sicurezza dei pescatori. Tutte le migliorie in progetto sono coerenti con l’obiettivo di adeguare le infrastrutture, ridurre l’impatto ambientale, favorire la competitività della filiera ittica e migliorare la sicurezza dei pescatori. Pochi giorni fa è stato annunciato l’avvio del “Farmer Market”, un progetto pilota attraverso cui il mercato del primo pescato diventerà il primo presidio per la promozione della filiera corta, incentivando la commercializzazione delle eccellenze della Riviera del corallo, dei suoi mari e della sua vastissima campagna. Frutta, verdura, ortaggi e altri prodotti delle campagne algheresi integreranno l’attività di vendita del pescato. Il progetto sperimentale andrà avanti da luglio a dicembre. «Rientra tutto nel percorso intrapreso dall’amministrazione per valorizzare e rilanciare, d’intesa con gli operatori, il ruolo centrale della piccola pesca algherese e delle strutture di vendita», spiega l’assessora dello Sviluppo economico, Ornella Piras. «Con l’impegno fattivo, il dialogo costruttivo e la costanza di tutti – conclude – si iniziano a vedere i primi, importanti risultati».