Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Alghero: trovato il corpo di Dino Robotti, il corallaro scomparso durante un'immersione

Il corpo di Dino Robotti al porto di Alghero

I compagni di lavoro e tutte le squadre che hanno partecipato alle ricerche lo hanno riportato in porto

ALGHERO. Il corpo di Dino Robotti è stato trovato. I compagni corallari e le squadre che in questi giorni hanno battuto palmo a palmo i fondali di Capo Caccia lo hanno riportando in porto, dove ad attenderlo c'era una folla di familiari e amici, molto provati dal dolore e dalla estenuante attesa di questi giorni. Il sub si era immerso a Capo Caccia il 6 settembre e non aveva dato più notizia di sé.

Il corpo è stato rinvenuto tramite l'impiego del macchinario dotato di sonar arrivato da Roma a bordo di un Canadair, lo hanno azionato i sommozzatori del quarto nucleo subacquei della guardia costiera di Cagliari

La salma sarà affidata all'autopsia dei medici legali del dipartimento di Patologia forense dell'Università di Sassari. Gli approfondimenti serviranno a capire cosa abbia causato il decesso di un professionista che, nonostante la giovane età, era considerato molto esperto e scrupoloso.

Ottimo sub, portavoce della categoria dei corallari a livello regionale, Dino Robotti era sposato da tre mesi e presto sarebbe diventato padre.