Alghero, sfonda una vetrata e picchia i padroni di casa

Un ragazzo di 18 anni è stato denunciato dalla polizia per lesioni aggravate. Il giovane ha usato anche un nerbo di bue per colpire uno degli inquilini

ALGHERO. Prima ha sfasciato la vetrata dell’ingresso di un palazzo mentre bisticciava con un suo coetaneo, poi è scappato. Quando è tornato aveva in una mano un nerbo di bue e con l’altra teneva al guinzaglio un cane. Un inquilino gli ha chiesto spiegazioni per quello che aveva fatto, e lui di tutta risposta l’ha colpito con quell’arma inusuale e poi gli ha aizzato contro l’animale. A quel punto è intervenuto un altro abitante del condominio, ma l’ennesima richiesta di spiegazioni è stata rispedita al mittente, che ha rimediato un pugno in faccia. È finita con una denuncia per lesioni aggravate la notte violenta di un ragazzo di 18 anni di Alghero.

A identificarlo e a informare l’autorità giudiziaria di quel che aveva combinato sono stati gli agenti del commissariato di polizia, intervenuti su sollecitazione di alcuni testimoni allarmati dalle urla e dal frastuono che proveniva dalla strada. I poliziotti hanno impiegato pochissimo tempo a ricostruire la dinamica di quei pochi attimi di follia e di violenza ingiustificata e a punire il responsabile della doppia aggressione. Sebbene Alghero possa definirsi una città tranquilla e a bassissimo coefficiente di pericolosità, l’episodio non è isolato e ripropone il problema della ciclicità di episodi difficili da prevenire e da gestire.

Certo è che se gli agenti non fossero intervenuti tempestivamente l’episodio avrebbe potuto avere conseguenze ancora più gravi. Tutto risale a lunedì notte. Teatro dell’assurdo episodio è via don Luigi Sturzo, che parte da via Palomba, interseca via Canepa e via Togliatti e finisce in via Sant’Agostino. Alla fine degli accertamenti, gli identificati sono cinque: hanno tutti tra i 18 e i 26 anni.

Secondo quanto appurato, i ragazzi hanno iniziato a discutere per motivi di nessuna importanza, ma in poco tempo dalle parole si è arrivati allo scontro fisico. Nel parapiglia sono rimasti coinvolti in tre. Tra questi il diciottenne denunciato, che durante la zuffa ha danneggiato la vetrata del portone d’ingresso di un palazzo e se n’è andato. Tornato, ha preso di mira i due inquilini, che gli chiedevano spiegazioni. La reazione del ragazzino è stata tutt’altro che pacifica.

Senza la minima intenzione di giustificarsi, non ha esitato a colpire uno degli interlocutori con la verga, a farlo minacciare dal cane e a sferrare un colpo all’altro condomino. Gli agenti della volante sono arrivati in tempo per sedare gli animi ed evitare il peggio.
 

TrovaRistorante

a Alghero Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro