Dopo la lettera choc del marito assassino, i familiari di Michela: "Lui per noi non esiste"

Parlano mamma e fratello della donna uccisa ad Alghero l'antivigilia di Natale

leggi anche:

SASSARI.
«Marcello Tilloca conferma ancora una volta di essere una persona che non pensa a niente. Né a quello che ha fatto il 23 dicembre né a quello che sta facendo tutt'ora ai figli. E noi faremo come lui: non lo consideriamo, per noi non esiste».

Con la dignità che li ha sempre contraddistinti, i familiari di Michela Fiori commentano così le parole scritte in carcere e spedite alla redazione della Nuova Sardegna dall'uomo che ha ucciso la loro figlia, sorella, nipote. Uomo che lei aveva sposato e dal quale aveva avuto due figli. E che il 23 dicembre scorso l'ha strangolata nella casa di via Vittorio Veneto, ad Alghero.

Il servizio completo sul giornale in edicola e nella versione digitale

 

TrovaRistorante

a Alghero Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community