Terapia intensiva, si sbloccano le assunzioni

In arrivo gli anestesisti, le procedure sono in corso. Lunedì i lavori al blocco operatorio

ALGHERO. «Finalmente». Il fatto che questa parola ricorra nelle affermazioni diffuse da Porta Terra la dice lunga. «Le procedure per l’assunzione degli anestesisti da destinare alla terapia sub intensiva è finalmente in via di espletamento», annuncia l’amministrazione comunale. Una notizia attesa e diffusa subito dopo l’incontro che il sindaco Mario Bruno e l’assessora Lalla Cavazzutti, competente in tema di Politiche per la sanità, hanno avuto con Antonio Cossu, responsabile del presidio ospedaliero di Alghero. In questo modo, è l’auspicio dei due amministratori locali, si possono considerare «al via i lavori nel blocco operatorio». Secondo quanto emerso dal faccia a faccia avuto due giorni fa a Porta Terra, «a fine primavera le risorse umane necessarie saranno inquadrate nella dotazione organica per l’attivazione del servizio», come riferisce la nota congiunta diffusa da sindaco e assessore. «Lunedì inizieranno i lavori di riqualificazione del blocco operatorio dell’ospedale civile», è la notizia nella notizia, conseguenza naturale dello sblocco di una situazione rispetto alla quale la protesta di Alghero è sempre stata bipartisan. E dato che per una volta sono le buone notizie a non venire da sole, «sono in corso inoltre le operazioni di trasferimento nei nuovi e rinnovati locali del laboratorio analisi», dicono Mario Bruno e Lalla Cavazzutti dopo aver ricevuto precise rassicurazioni al riguardo da Antonio Cossu. «In questo modo si accorciano le tappe lungo quel percorso da seguire per poter raggiungere quei livelli di qualità, competenza e professionalità indispensabili per innalzare gli standard di erogazione nelle prestazioni», proseguono il sindaco e l’assessora comunale. «Per la prossima settimana abbiamo programmato
un sopralluogo ai lavori di riqualificazione delle sale operatorie», annuncia Bruno, sollecitando affinché si faccia prima possibile e si cerchi di recuperare il terreno perduto verso il riconoscimento del primo livello al presidio ospedaliero di Alghero e Ozieri. (g.m.s.)

TrovaRistorante

a Alghero Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community