Un chilo di droga in casa arrestato dai carabinieri

Marco Mereu era in possesso di otto etti di marijuana e 200 grammi di hascisc Dopo i recenti episodi, i militari hanno intensificato il controllo del territorio

ALGHERO. Passeggiava per le vie della città con aria apparentemente indifferente. Ma per quanto cercasse di far finta di niente, il suo atteggiamento era circospetto. Un comportamento che ha attirato immediatamente l’attenzione dei carabinieri della stazione di Alghero, che anche alla luce dei recenti e drammatici fatti di cronaca hanno intensificato gli sforzi e le attività di contrasto dell’illegalità. I militari l’hanno controllato a vista, l’hanno pedinato e poi l’hanno controllato. Non contenti, hanno perquisito anche la sua abitazione. Il risultato ha dato ragione al loro fiuto, perché gli accertamenti hanno permesso di scoprire che il destinatario di tante attenzioni era in possesso di un chilo di sostanze stupefacenti, tra hashish e marijuana. Marco Mereu, 34 anni, di Alghero, considerato già noto dalle forze dell’ordine, è stato arrestato. L’accusa nei suoi confronti è di detenzione di droga a fini di spaccio. L’uomo è caduto nella rete tessuta dai carabinieri nell’ambito delle attività messe in campo dal comando provinciale di Sassari per prevenire e reprimere i fenomeni criminali, specie quelli connessi allo spaccio in vista delle festività pasquali, che storicamente coincidono con un certo dinamismo del mercato locale. Sebbene non ci sia alcun collegamento con quel che è successo una settimana fa in piazza del Teatro, è evidente che la morte di Alberto Melone ha fatto salire il livello di guardia, con un’intensificazione dei controlli cui occorrerà dare seguito attraverso l’incremento degli uomini e dei mezzi a disposizione per tenere sotto controllo una realtà che, secondo gli esperti, rischia seriamente di sfuggire di mano. La perquisizione personale e domiciliare compiuta nei confronti dell’arrestato ha permesso di sequestrare quasi 800 grammi di marijuana, 200 grammi di hashish, due bilancini di precisione e tutto il necessaire per il confezionamento e la vendita al dettaglio. La droga recuperata era in parte già suddivisa in panetti, in parte in confezioni ancora da frazionare e in ultimo in dosi
già pronte per lo smercio al consumo. Ieri mattina il tribunale di Sassari, al termine dell’udienza di convalida dell’arresto, ha approvato l’operato dei carabinieri, ha convalidato il provvedimento e ha disposto nei confronti di Mereu la misura cautelare degli gli arresti domiciliari.

TrovaRistorante

a Alghero Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community