Elezioni ad Alghero, il centrodestra converge sul nome di Marco Tedde

Dal lunghissimo vertice di Cagliari la scelta sull’ex primo cittadino di Forza Italia. Se l’avvocato non dovesse accettare l’offerta potrebbe toccare a Giovanna Caria

ALGHERO. Il centrodestra opta per il “Marco Tedde ter”. La lunghissima trattativa giocata tra la penisola, Cagliari, Sassari e Alghero è a un passo dalla svolta. Dopo l’incontro di ieri sera a Cagliari, dove si è recato anche il diretto interessato pur non partecipando al tavolo, il pressing degli alleati sull’ex sindaco ed ex consigliere regionale parrebbe vicinissimo a sortire i suoi effetti. Il faccia a faccia promosso da Eugenio Zoffili e dalla Lega è andato avanti sino a tarda sera con l’obiettivo di superare le divisioni sorte sulle candidature di Sassari e Alghero. Niente è ufficiale, ma sembra che il leader del centrodestra algherese si stia facendo convincere a guidare la nutritissima pattuglia che intende riprendersi Porta Terra dopo sette anni di centrosinistra. La notizia è clamorosa, ma sino a un certo punto. Già prima delle elezioni regionali più di un suo alleato aveva sperato che non venisse eletto per poterlo contrapporre a Mario Bruno: per molti il confronto tra i due sarebbe il naturale epilogo di una battaglia politica a distanza che dura da oltre tre lustri, con i due protagonisti della scena politica cittadina che si sono sempre avvicendati tra consiglio regionale e Comune ma non si sono mai misurati direttamente in una competizione elettorale. Salvo ulteriori terremoti, Alghero assisterà allo “scontro diretto”. La processione di numerose forze politiche che nei giorni scorsi sono andate da Tedde per chiedergli di superare le resistenze conferma che per molti è lui quello capace di unire la coalizione e rappresentare un valore aggiunto sul piano elettorale. A questa soluzione si è arrivati anche grazie alla ricucitura su Sassari, che ha permesso da un lato a Forza Italia di aderire alla compagine che sostiene Mariolino Andria, dall’altro alla Lega di tornare a miti consigli dopo aver minacciato di correre da sola in entrambe le città. Stabilito che spetta a Forza Italia fare il nome del candidato sindaco, e verificato che Nunzio Camerada non ha incontrato nei giorni scorsi il favore di tutta la coalizione, a Tedde è stato chiesto di gettarsi nella mischia. Non accettando, Tedde dovrà fare un altro nome che metta tutti d’accordo.
In questo caso si parla con insistenza di Giovanna Caria. Se andrà così, si stoppa almeno temporaneamente il disegno di Michele Pais, presidente del consiglio regionale ed esponente della Lega algherese, che vuol costruire in città un nuovo centrodestra e aspira a diventarne il leader.

TrovaRistorante

a Alghero Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller