progetto sperimentale 

Sconti sulla Tari per chi “pesca” rifiuti

Allo studio un accordo fra il Comune e le associazioni dei pescatori

ALGHERO. Chi pesca un rifiuto pesca uno sconto. È il senso di un progetto operativo sperimentale destinato a trasformare la raccolta dei rifiuti in mare in un benefico effetto indiretto della pesca. I rifiuti raccolti incidentalmente dalle reti dei pescatori algheresi possono essere riportati a terra per essere correttamente avviati in un impianto di trattamento dei rifiuti con oneri a carico dell’amministrazione. In cambio gli operatori del settore della pesca potranno contare su uno sgravio del 50 per cento sul canone dovuto per la raccolta e la gestione dei rifiuti nell’area portuale. L’iniziativa è stata deliberata dalla giunta nei giorni scorsi e avrà un ambito di applicazione stabilito da un apposito contratto di partenariato tra Comune di Alghero e operatori della pesca in forma associata, che disciplinerà le modalità della raccolta dei rifiuti in mare e la suddivisione dei compiti tra gli operatori e l’amministrazione comunale. L’obbiettivo è quello di contribuire alla pulizia del mare dai rifiuti e tutelare non solo l’ambiente marino ma anche il comparto economico della pesca, i cui operatori – con il loro contributo di “cittadini attivi qualificati”
– concorrono a valorizzare il territorio.

I pescatori algheresi sono anche concessionari di aree portuali per le proprie imbarcazioni e pagano un canone annuo per il servizio di raccolta dei rifiuti portuali, che d’ora in poi verseranno in forma ridotta. (g.m.s.)

TrovaRistorante

a Alghero Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community