Alghero, quattro giorni di festa fra musica e street food

Non solo motori ma decine di stand che proporranno il meglio del cibo di strada. Non mancheranno le maschere del carnevale della Sardegna e le auto storiche

ALGHERO. Che la tappa algherese del campionato mondiale rally Wrc (unica in Italia) sia un evento di portata internazionale è fuor di dubbio. Il grande circo motoristico, però, è anche un motivo di richiamo oltre che per gli appassionati delle quattro ruote, anche per chi vuole trascorrere una serata diversa dal solito. Certo, il cuore della manifestazione resta il paddock, il piazzale della Pace, dove sono concentrate le più importanti scuderie del mondo che puntano senza mezzi termini al titolo iridato, ma in questi giorni Alghero offre di più. Il già ricco ventaglio di locali, punti di ristoro, bar e pizzerie si amplia a dismisura grazie alla Festa del Gusto, quasi una rassegna mondiale (come il rally) dello street food con decine di stand che offriranno il meglio del “cibo di strada”.

Festa del Gusto è il primo format itinerante sullo street food di altissima qualità in Sardegna. Sarà possibile asaggiare e gustare le proposte di grandissimi interpreti del cibo di strada della penisola, al resto del mondo come il vero sapore di una paella spagnola, un perfetto asado argentino o uno spettacolare tacos messicano passando da una panino con la porchetta di Ariccia o la puccia salentina. Pietanze che saranno cucinate a vista, nel pieno rispetto della tradizione e delle ricette delle terre da cui provengono. Ovviamente non potrà mancare la cucina locale con i pescatori della cooperativa di Alghero che, già grandi protagonisti della passata edizione, proporranno i loro freschissimi prodotti del mare della Riviera del corallo, trasformati in fragranti fritture, deliziose insalate di polpo o ancora la regina di zona l’aragosta alla catalana servita a prezzi più che popolari.

Ma in questi giorni, oltre ai motori, non sarà solo il cibo il protagonista delle serate algheresi. Grandi emozioni arriveranno da lontano con grandi spettacoli notturni come la serata dedicata al flamenco e la sua sensualità, i caldissimi coinvolgenti e rumorosi balli latino americani, la gioia esplosiva delle carioca del Brasile o il grande mistero delle maschere del carnevale tradizionale della Sardegna. Ovviamente non mancheranno gli spazi per le sonorità relativamente recenti e quindi spazio alle musiche degli anni 80 e 90 proposte da Dj Zeno, Dj Arturo e Dj Daniele.

Graditissime le presenze di due importanti street fooders nazionali provenienti da due regioni che negli ultimi i anni sono state colpite da calamità naturali importanti. Arriva infatti da Amatrice lo chef Fabrizio Capanelli uno dei maggiori interpreti della rinomata pasta all’amatriciana, con lui il maestro della liquirizia italiana Tommaso Tommarelli proveniente dall’ Umbria.

Non va, infine, scordato un altro aspetto della grande kermesse motoristica e cioè l’amore per le auto storiche, magari anche per quella che in passato sono state le principali protagonista del campionato del mondo rally. E per omaggiare queste “vecchie signore”tutti i giorni, da mezzogiorno
fino alle 22, si terrà un’esposizione delle auto storiche. Non solo meccanici, polvere e gas di scarico, quindi, ma una grande festa che ruota attorno all’evento motoristico, in attesa della premiazione finale che, da tradizione, si concluderà con un tuffo nelle acque del porto.

TrovaRistorante

a Alghero Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO: DAL WEB ALLE LIBRERIE

Come vendere un libro su Amazon e da Feltrinelli