Gli incendiari in azione paura alla Speranza

Un ettaro è andato in fiamme a “Sa rocca pinta” lungo la litoranea per Bosa In campo la task force della Protezione civile pronta ad evacuare la spiaggia  

ALGHERO. Un ettaro andato in fiamme in un amen, un disastro sventato solo dalla prontezza degli interventi e dal dispiegamento di mezzi e di uomini approntato dalla protezione civile, coordinati direttamente sul campo dal responsabile del riparto territoriale, Giancarlo Muntoni. Senza, il conto dei danni sarebbe stato molto più salato. La zona presa di mira è quella di “Sa rocca pinta”, lungo la strada provinciale litoranea che da Alghero conduce verso Bosa. Sul fatto che il rogo sia di natura dolosa non c’è alcun dubbio. Gli esperti hanno trovato sufficienti tracce di una volontà distruttrice che ora andrà individuata attraverso le indagini.

Il fuoco è stato appiccato nella prima parte della mattinata, quando ancora la zona era “spazzolata” da un forte vento di levante che ha favorito il propagarsi delle fiamme lungo tutta la fascia che costeggia la strada e si getta a dirupo sul mare. All’allarme lanciato tempestivamente da alcuni passanti la risposta è stata immediata e tempestiva. Sul posto sono arrivati due elicotteri, uno da Anela e uno da Bosa, che hanno lavorato a lungo per circoscrivere il rogo. Ma col cambio di vento e l’arrivo del libeccio è stato impossibile impedire all’incendio di “saltare” la strada e puntare verso le campagne di Pedra ‘e mare, generando forte preoccupazione e costringendo la macchina dei soccorsi a prevedere azioni straordinarie, prima fra tutte l’evacuazione della spiaggia della Speranza, che in questi giorni inizia già a straripare di turisti. La preoccupazione provocata dal vento incessante, con raffiche che hanno sfiorato anche i 40 nodi, ha indotto la protezione civile a richiedere l’intervento di un terzo mezzo. Poco prima delle 12 è decollato dall’aeroporto di Fenosu, a Oristano, un Super Puma dotato di un container capiente quanto un canadair. Il suo apporto è stato fondamentale per domare le fiamme e per impedire che il fuoco si spingesse verso l’agro di Villanova Monteleone o verso la spiaggia. Una volta accertato che la situazione era ormai sotto controllo e dopo aver fatto tutte le valutazioni del caso, le forze in campo hanno escluso la necessità di far evacuare la Speranza e hanno continuato a operare in condizioni di assoluta sicurezza. Ma resta il fatto che l’attacco sferrato dai piromani avrebbe potuto
provocare un disastro ambientale ed economico di proporzioni ancora più gravi, imponendo al sistema di prevenzioni di innalzare il livello di guardia per i prossimi giorni, dato che le previsioni meteo – tra temperature e venti – lasciano temere nuovi attacchi a opera dei piromani.

TrovaRistorante

a Alghero Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community