Giunta, dirigenti e staff per riavviare il Comune

Lunedì il sindaco Mario Conoci presenta in consiglio la squadra di governo Esecutivo quasi pronto con i rappresentanti di tutti partiti della coalizione

ALGHERO. La giunta per dare un governo alla città, dirigenti e staff per riavviare una macchina amministrativa che da settimane affanna a causa dell’assenza di numerose figure chiave e una abbondante dose di calmante per placare la furibonda lite che imperversa nella Lega cittadina. Mario Conoci fa scattare il countdown. Lunedì si insedia il nuovo consiglio comunale e il sindaco di Alghero vuole presentarsi con la squadra al completo. Così, mentre volano gli stracci tra i salviniani della prima, della seconda e dell’ultima ora, Conoci si confronta coi partiti della coalizione per comporre il mosaico. Il sindaco l’ha detto dall’inizio: in giunta sarà rappresentata ogni forza politica che ha contribuito al successo e ha eletto propri rappresentanti in consiglio. Una formula che gli ha permesso di sorvolare indenne i problemi della Lega: il partito di Matteo Salvini avrà il proprio assessore. Fino a qualche giorno fa il nome più quotato era quello di Sonia Pilli, già candidata alle regionali e alle europee. Sassarese, è moglie e socia di Luca Sacristani, 45enne imprenditore bresciano da anni trapiantato in città, considerato l’uomo forte del board leghista ad Alghero. I suoi dissidi con i consiglieri Leonardo Polo, Monica Pulina e Giovanni Monti – che hanno scelto di abbandonare il Carroccio e di aderire al Gruppo misto – rendono più complicata l’indicazione della Pilli, per la quale si puntava al Turismo. A questo punto si fanno i nomi di Giorgia Vaccaro e Gabriella Fadda, di indiscussa fedeltà alle regole e alle gerarchie del partito. A rallentare le trattative per giorni, in realtà, è il braccio di ferro tra Noi con Alghero e Psd’Az. I sardisti chiedono di essere rappresentati in giunta non solo dal sindaco, ma anche da un assessore. I nomi che propongono sono quelli di Mario Medde, ex commissario dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, e Tore Pintus, uomo di riferimento del partito in città. Noi con Alghero si oppone e chiede due assessorati: uno è sicuro appannaggio di Maria Grazia Salaris, l’altro sarebbe per Antonello Muroni. Forza Italia, che avrà sicuramente due assessorati, ne ha riservato uno per Giovanna Caria, mentre per l’altro sono in lizza Lina Bardino, Antonello Peru, Gennaro Monte e Ferdinando Manconi. Che la spunti il Psd’Az o Noi con Alghero, gli azzurri si aspettano di essere debitamente ricompensati al momento di assegnare la governance delle partecipate: Fondazione Alghero, Parco naturale regionale di Porto Conte, Alghero in House e Secal. L’Udc ha scelto la presidenza del consiglio: sullo scranno più alto di via Columbano siederà Lelle Salvatore. L’assessore di Fratelli d’Italia sarà Marco Di Gangi, mentre nei Riformatori è in pole position Andrea Montis. Nel frattempo Conoci mette mano alla struttura amministrativa. Dopo aver scelto Fabio Mura come suo segretario particolare, il sindaco ha promosso sul campo Giovanni Chessa, storico addetto stampa del Comune: sarà il portavoce di Conoci. A completare lo staff dovrebbe essere una figura di esperienza, una sorta di facility manager con compiti di raccordo tra politica e burocrazia. Cambia anche il segretario generale: è probabile che a Porta Terra torni Pierino Arru, algherese, oggi in servizio alla Provincia
di Sassari. Intanto sono stati pubblicati gli avvisi di selezione per il conferimento dell’incarico di comandante della polizia locale, vacante, e di due dirigenti. Ma presto ne andranno individuati degli altri: al suo ingresso Conoci si è ritrovato con due soli apicali in servizio.

TrovaRistorante

a Alghero Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community