Alghero, derubava turisti ma è stato immortalato dalla videosorveglianza

Gli agenti del commissariato lo hanno arrestato su provvedimento del giudice

ALGHERO. Si è intrufolato in un appartamento del residence “Picalé”, al lido di Alghero, occupato da due ospiti, due turisti norvegesi, mentre questi si trovavano in casa. Con sprezzo di qualsiasi rischio e con grande abilità ha afferrato un marsupio in cui erano custoditi dei soldi, li ha presi e si è dato alla fuga prima ancora che i due derubati si rendessero conto di non essere da soli in casa. Sfortunatamente per lui il suo curriculum e le videocamere di sorveglianza hanno portato sulla strada più corretta le indagini, consentendo in men che non si dica agli investigatori di scoprirlo.

Gli agenti del commissariato di Alghero, in esecuzione del provvedimento emesso dal giudice per le indagini preliminari di Sassari, hanno arrestato un algherese di 43 anni. L’uomo accusato del furto nel residence è un noto pregiudicato e per le locali forze dell’ordine è un sorvegliato speciale. Il lavoro della polizia è stato certamente facilitato dalle immagini acquisite

dal sistema di videosorveglianza della struttura ricettiva, ma ad aiutarli è stato anche il modus operandi utilizzato dall’autore del colpo, che ormai si è creato una certa fama per le ruberie messe a segno in estate negli appartamenti occupati dai turisti. (g.m.s.)
 

TrovaRistorante

a Alghero Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community