Il Cra sarà intitolato ad Antonio Simon Mossa

Lo ha proposto il primo cittadino al presidente del consiglio regionale Bruno: «Sulla ristrutturazione del vecchio stabile decide la Rete metropolitana»

ALGHERO. Sopralluogo ieri a Fertilia presso l’ex ostello della gioventù. Il sindaco Mario Conoci, con gli assessore ai Servizi sociali e Manutenzion, Maria Grazia Salaris e Antonello Peru, insieme al presidente della V commissione consiliare Giuseppe Musu e ai tecnici comunali, ha incontrato i responsabili della gestione del Centro anziani. Con i tecnici si è concordato un programma di lavori «che dovrà portare la struttura ad avere le condizioni essenziali di vivibilità necessarie fino all’ auspicato ritorno nell’immobile abbandonato nel luglio 2018». La condizione di vivibilità degli ospiti è la priorità sulla quale l’amministrazione preme, proprio su questo tema si è chiesto alla cooperativa che gestisce il servizio la massima attenzione verso gli anziani.

Nel frattempo, avantieri, sempre il sindaco Mario Conoci ha incontrato il presidente del consiglio regionale Michele Pais, un incontro servito a confermare che la struttura di viale della Resistenza verrà ristrutturato, riqualificato e adeguato alle norme per quanto riguarda sicurezza e impiantistica. Nel corso dell’incontro, il sindaco Conoci ha proposto di intitolare il centro proprio ad Antonio Simon Mossa, architetto e intellettuale algherese. Soddisfazione da parte dell’assessora Maria Grazia Salaris che con il presidente del consiglio regionale Michele Pais ha partecipato all'incontro con i rappresentanti del Centro regionale di programmazione. il ritorno alla piena funzionalità del Cra di viale della Resistenza, parte importante del programma elettorale della Giunta Conoci, sarà portato in Consiglio Comunale per la decisione definitiva.

«Stiamo rispettando gli impegni presi con gli algheresi in campagna elettorale – ha commentato Mario Conoci –. Il primo atto sul quale abbiamo riposto la massima attenzione è quello che riguarda i nostri anziani». Sulla vicenda interviene l’ex sindaco Mario Bruno che ricorda che se si vuole ristrutturare il vecchio Cra, è possibile farlo. «Era una delle opzioni previste, ma come fare? Se la nuova amministrazione di Alghero opta per la ristrutturazione deve tornare in assemblea della rete metropolitana per modificare la delibera del luglio 2018 che prevede nuova costruzione, bloccare la progettazione preliminare e firmare nuova convenzione con Regione. Hanno 7.9 milioni di euroa disposizione, grazie alla rete metropolitana del nord Sardegna e ai
sindaci che hanno deliberato nel luglio 2018 per il nuovo Cra e hanno tre anni davanti per realizzarlo. Una perizia di sette professionisti dice chiaramente che requisiti deve avere, punti di forza e di debolezza del centro di viale della Resistenza, per essere autorizzato e accreditato».

TrovaRistorante

a Alghero Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community