Conoci: «Il nuovo ospedale di Alghero? Ci sono basi concrete»

Il sindaco vede per la prima volta la possibilità di realizzare l'opera

ALGHERO. Sulla realizzazione del nuovo ospedale ad Alghero, secondo il sindaco Mario Conoci c'è un orizzonte positivo. «La giunta di Christian Solinas, per una esplicita scelta del presidente e dell'assessore alla sanità Mario Nieddu, col supporto del presidente del Consiglio regionale Pais e dalla nuova maggioranza sardista e di centrodestra in Regione, in accordo con l’amministrazione comunale di Alghero – afferma Conoci – ha fatto in modo che oggi, al contrario di tante passate promesse, esista per la prima volta la possibilità di realizzare concretamente il nuovo ospedale».

Su questo tema in Regione si sono susseguiti diversi incontri tra Solinas e Conoci. Il nuovo ospedale ha già una collocazione urbanistica definita, attuata con una decisione del consiglio comunale nel 2007 con la quale l’amministrazione di centrodestra di allora individuò la zona della Taulera. «Ma stiamo dialogando e seguendo con attenzione il tema degli ospedali di Alghero e il miglioramento delle prestazioni e dei servizi dopo l’impoverimento degli ultimi anni – prosegue il primo cittadino –. Tutto è stato fatto senza annunci e senza clamori ma con la concretezza e la discrezione che il tema richiede. Oggi auspichiamo che su questi argomenti così importanti per la città e il territorio anche l’opposizione collabori lasciando da parte posizioni superficiali e dannose».

Quanto alla recente riforma sanitaria regionale, il giudizio del sindaco è positivo: «Un modello di sanità vicina ai cittadini e ai territori, il disegno tracciato da

Presidente Christian Solinas è certamente quello che i sardi si aspettano. La nuova riforma ospedaliera, che interviene sulla fallimentare politica sanitaria attuata dal centrosinistra di Pigliaru, è un atto di giustizia che avvicina i servizi ai cittadini».


 

TrovaRistorante

a Alghero Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community