A settembre spiagge tirate a lucido

Per la pulizia utilizzati tre mezzi, uno l’ha fornito Ep Produzioni gratuitamente

ALGHERO. Ora che le spiagge di Alghero sono tirate a lucido come non le si vedeva da tempo, può tranquillamente partire la gara a chi ha più meriti. È merito dell’amministrazione di Mario Bruno e dell’assessore Selva, che hanno creato le precondizioni perché si risolvesse un problema che durava da anni, o è merito dell’attuale sindaco Mario Conoci e dell’assessore Andrea Montis, che hanno impresso alla gestione dell’arenile un cambio di passo grazie al quale i risultati sono arrivati subito? Probabilmente il quesito non troverà mai una risposta univoca, ma una cosa resta certa lo stesso: dopo le operazioni di pulizia delle spiagge messe in atto nelle ultime settimane i risultati sono evidenti, per la gioia degli algheresi e dei turisti che per le loro vacanze hanno puntato tutto su questi ultimi scampoli di estate nella Riviera del corallo.

Con l’aumento dei mezzi utilizzati, a iniziare dalla disponibilità di tre macchine pulisci-spiaggia impegnate di notte, i risultati sono arrivati. «Con l’accelerata voluta dal sindaco Mario Conoci e attuata con il lavoro dell’assessore dell’Ambiente, Andrea Montis, finalmente le spiagge si presentano in condizioni più che decorose», è la celebrazione del risultato fatta filtrare da Porta Terra. «Al mezzo già in dotazione al settore Ambiente si sono aggiunti due macchinari più potenti, in grado di lavorare su estensioni maggiori», spiegano dall’amministrazione prima di specificare che da questo punto di vista «un contributo non indifferente è stato
fornito da EP Produzioni», la multinazionale dell’energia che gestisce l’impianto di produzione di Fiumesanto, nel territorio comunale di Sassari. «Ha concesso al Comune l’utilizzo gratuito del proprio pulisci-spiaggia per tutta l’estate», dichiarano gli amministratori. (g.m.s.)

TrovaRistorante

a Alghero Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community