Foto

Giallo ad Alghero, il recupero dello scheletro trovato a Pineta Mugoni

ALGHERO. La Procura della Repubblica di Sassari ha aperto un'inchiesta in seguito al ritrovamento di uno scheletro insabbiato a Pineta Mugoni, nella Baia di Capo Caccia. Una pattuglia della sezione navale della forestale di Alghero stava perlustrando il litorale nell'ambito di una normale attività di monitoraggio per la tutela della «pinna nobilis». Sono stati proprio gli uomini della forestale a notare la presenza di alcune ossa riportate alla luce dalle mareggiate dei giorni scorsi. Scavando si sono ritrovati di fronte i resti quasi integri di un corpo umano, rannicchiato e coperto da pochi palmi di sabbia, in un'area priva di vegetazione. (foto Roberto Gabrielli)

L'ARTICOLO Giallo di Alghero, lo scheletro ritrovato è di un 50enne ucciso circa 20 anni fa

Alghero, lo straordinario spettacolo del Cap d'Any

ALGHERO. Dopo l'anteprima mondiale del nuovo spettacolo de La Fura dels Baus di domenica 30 dicembre, ieri sera è stata la volta dello show coinvolgente del DeeJay Time con Albertino, Fargetta, Molella e Prezioso, preceduto dal Dj set di Milla e dagli immancabili fuochi d'artificio che hanno illuminato il golfo algherese allo scoccare della mezzanotte (foto Gabrielli - Salaris)

Alghero, l'incanto acrobatico di La Fura dels Baus

ALGHERO. L'attesa ha ripagato le aspettative degli algheresi per lo spettacolo acrobatico degli artisti di La Fura dels Baus in cui sono stati impegnati anche alcuni giovani locali come comparse. Nella magia della notte del 30 dicembre le figure luminose che volteggiavano nel cielo hanno davvero catturato l'apprezzamento del vasto pubblico radunato nell'area portuale. E' stato messo in scena in anteprima mondiale Il Canto della Sibilla, lo spettacolo è stato creato apposta per il Cap d'Any a l'Alguer (foto Gabrielli - Salaris)

Tutta Alghero commossa nel ricordo di Michela Fiori

ALGHERO. Grande commozione ad Alghero durante il corteo che ha percorso silenziosamente le vie cittadine dal centro sino alla casa dove abitava Michela Fiori.  In testa alla marcia un grande striscione bianco con la scritta "Michela".  Davanti al portone dove è avvenuta la tragedia il sindaco ha deposto un mazzo di fiori mentre intorno la gente guardava ancora scossa dall'accaduto. (foto francesca salaris)

Alghero, lo straordinario spettacolo dei fuochi d'artificio

ALGHERO. Tre spari a distanza di pochi minuti tra loro, poi il cielo che si illumina a intermittenza, sotto i colpi di uno spettacolo pirotecnico semplicemente straordinario. I fuochi d’artificio di Ferragosto sono stati il solito, straordinario, successo. E sono stati il solito, grandioso, spettacolo (foto Francesca Salaris)

Fotografi scatenati tra le meraviglie di Alghero

ALGHERO. Successo per l'#algherophotowalk organizzato da Yallers Sardegna che ha portato tanti fotoamatori da tutta l'isola alla scoperta della Riviera del Corallo. Dopo il giro nella cittadina e tante foto il gruppo è andato alla scoperta del Parco di Porto Conte, prima affacciandosi sul belvedere e poi scendendo verso le Grotte di Nettuno, fotografate in ogni angolo. A fine giornata, stanchi ma ancora pieni di voglia di scoprire la chicca finale, accompagnati da una guida del Parco, il gruppo si è recato verso la Grotta dei Vasi Rotti che ha stupito tutti i partecipanti. «Una giornata davvero intensa e che resterà tra i ricordi più belli sia per i luoghi magnifici visitati che per lo stare insieme facendo quello che più piace: fotografare - si legge in una nota di Yallers Sardegna -. Fino al 22 luglio i partecipanti all'evento potranno partecipare a un contest fotografico postando gli scatti migliori della giornata. In bocca al lupo!"

L'assalto dei 2mila al faro di Capo Caccia: apre al pubblico per la prima volta in 154 anni

ALGHERO. Il faro più alto d'Italia, con i suoi 186 metri sul livello del mare, apre al pubblico per la prima volta nella sua lunghissima storia: 154 anni. Capo Caccia, nella mattinata di oggi, domenica 1° luglio, è stato preso d'assalto da oltre duemila visitatori, con tanto di pettorina numerata. Come una grande maratona, il pubblico ha percorso a piedi diversi chilometri, da Cala Dragunara e Ritorno, per ammirare un luogo unico e straordinario. Un successo oltre ogni previsione per l'evento organizzato dai comitati di Guardia Grande - Tanca Farrà e Maristella insieme a Comune di Alghero, Fondazione Alghero e Parco di Porto Conte (foto Roberto Gabrielli e Francesca Salaris)

Cristina Masala, la modella algherese che sogna di fare l'attrice

ALGHERO. Il suo volto è stato scelto per il manifesto dei 70 anni di autonomia della Sardegna, ma in tanti l'avevano già notato nel video dei Tazenda "Umpare". Cristina Masala, 28 anni, di Alghero, fa la modella da quando aveva 18 anni. È stata miss Alghero grandi eventi nel 2010, miss Reginetta del carnevale di Tempio nel 2009, miss Mediterranea nel 2008, miss Rocchetta bellezza alla finale di Miss Sardegna a Barumini nel 2016, e nel 2014 miss Viso Tv nel concorso "la bella d'Italia in Abruzzo. Cristina fa parte dell'agenzia Capoterra 2000 di Mariano Marras e ha sfilato per vari stilisti sardi, come Gian Giuseppe Pisuttu, Carlo Petromilli, Mario Cocco, Paola Tangianu, Klodjana e Roberto Stella. In programma ha sfilate di alta moda in Costa Smeralda. Sul fronte della recitazione, la modella algherese ha già avuto diverse esperienze. «Con il mio compagno Simone Sechi siamo gli attori dell'ultimo singolo di Dave Ruda e Nicola Nite - spiega Cristina Masala -. Nel 2017 ho avuto un ruolo nel film Chi salverà le rose di Cesare Furesi. Ho una parte nel cortometraggio sugli zombie girato ad Alghero e diretto da Domenico Montixi, mentre a settembre avrò una parte in alcune puntate della sitcom "Orlando e Carlotta" girata a Cagliari. Nel frattempo, studio recitazione cinematografica da Maurizio Pulina e teatrale da Giuseppe Ligios ad Alghero». (le foto sono di Simone Sechi - Cristina Masala su Instagram)

La Brigata Sassari è tornata a casa, lacrime ed emozione all'arrivo ad Alghero

ALGHERO. I Diavoli rossi della Brigata Sassari sono tornati in Italia. Dopo sei mesi di addestramento, consulenza e assistenza a favore delle forze di sicurezza locali nella regione ovest dell'Afghanistan, il Comando, la Bandiera di Guerra e il personale del 152° reggimento sono atterrati in tarda mattinata all'aeroporto militare di Alghero. I Sassarini, agli ordini del generale di brigata, Gianluca Carai, hanno tenuto per 180 giorni il comando del Train Advise Command (Taac-West), presente a Herat nell'ambito della missione Nato Resolute Support (Rs). Comando di missione che i Diavoli rossi hanno lasciato ieri nelle mani della Brigata Pinerolo. Il 152° Reggimento nei sei mesi di operazioni in Afghanistan ha ottenuto ottimi risultati e portato a termine importanti progetti in collaborazione con le istituzioni militari e civili locali (foto Francesca Salaris)

TrovaRistorante

a Alghero Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare