Panfilo a vela finisce nella tonnara di Porto Flavia

Multa salata per un equipaggio francese in balìa del forte vento di scirocco, la guardia costiera ha soccorso il gruppo e lo ha scortato fino in porto

PORTOSCUSO. Una barca a vela finisce nelle reti della tonnara. L'inconsueta notizia giunge da Porto Paglia, dove è calata ed è in pesca la prima delle tre tonnare sulcitane, abilitate alla cattura del tonno rosso, che incontra chi proviene via mare da Porto Flavia.

L'episodio è accaduto ieri pomeriggio ed ha visto coinvolti un panfilo a vela, battente bandiera francese di quindici metri, con a bordo tre uomini ed una donna, di età compresa fra i trenta ed i cinquant'anni.

A mettere in difficoltà la navigazione dei francesi, sono state le poderose raffiche di vento, che spiravano da levante - scirocco ed hanno raggiunto i 40 nodi di velocità, circostanza che, probabilmente, alzando le onde in superficie, non ha permesso allo skipper di individuare i segnali galleggianti che delimitano il reticolato della tonnara. Così, stavolta nelle reti c'è finita una barca ed è dovuta intervenire la Guardia Costiera di Portoscuso per evitare guai seri alla stessa ed ai suoi occupanti.

Lanciato il segnale di soccorso, sul posto sono intervenuti la motovedetta SAR CP 869 ed il personale della tonnara, che, dopo vari tentativi, sono riusciti a liberare lo scafo e scortarlo fino alle sicure acque del porto. Dopo essersi tranquillizzato, l'equipaggio ha preso atto della violazione compiuta (un'apposita ordinanza del Circomare, vieta la navigazione nel raggio d'azione

della tonnara) e dovrà pagare una multa salata.

“Navigare in sicurezza, vuol dire conoscere le ordinanze delle rispettive autorità marittime, consultabili sul sito della Guardia Costiera, oltre che prendere conoscenza degli avvisi ai naviganti”, ha ricordato il Circomare di Portoscuso.

TrovaRistorante

a Cagliari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller