Droga, traffico di cocaina tra la Turchia e la Sardegna: sette persone arrestate

L’operazione è stata eseguita all'alba della polizia a Cagliari e a Nuoro. L’organizzazione coltivava anche marijuana

CAGLIARI. Dalle prime ore di oggi è in corso una vasta operazione antidroga della polizia, a Cagliari e a Nuoro, con l'esecuzione di sette ordinanze di custodia cautelare in carcere e ai domiciliari. L'indagine, condotta dalla Squadra Mobile di Cagliari, coordinata dal primo dirigente Leo Testa, avviata nel 2012 e battezzata «Ultimo minuto», riguarda una presunta associazione a delinquere ritenuta specializzata nel traffico di droga - carichi di cocaina importati dalla Turchia - e coltivazione di cannabis nella zona di Pula.

Le ordinanze di custodia cautelare in carcere sono a carico di Adnan Gueresci, un turco di 53 anni, attualmente detenuto in Turchia, Raffaele Pinna, 50 anni, di Nurri, attualmente agli arresti domiciliari e già finito in manette nel corso della maxioperazione antidroga del giugno del 2013 in cui fu arrestato l'ex primula rossa del banditismo sardo Graziano Mesina; Flavio Chessa, 39 anni di Nuoro e il turco Umit Guresci, 37 anni. Ai due turchi e al nuorese viene contestata l'importazione in Italia di un carico di 10 chili di cocaina, del valore di 300 mila euro nel marzo 2013, mentre Pinna è accusato di aver coltivato 400 piante di cannabis trovate a Pula, in provincia

di Cagliari, in una serra, oltre alle accuse che riguardano il suo presunto coinvolgimento nel traffico di droga.

Ordinanze di custodia cautelare ai domiciliari, invece, per Luciano Orrù, 39 anni di Nurri, Giovanni Fa, 64 anni di Pula, e per il cagliaritano Sergio Puddu 58 anni.

TrovaRistorante

a Cagliari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community