Cagliari

Dalle isole Faroer per scoprire la magia delle launeddas

Novanta persone fra giovani musicisti, docenti, genitori e anche i sindaci delle lontane comunità danesi in visita in Sardegna per uno scambio culturale

CAGLIARI. Chissà se nei cinque giorni di permanenza in Sardegna gli studenti arrivati ieri dalle isole Faroer troveranno qualche somiglianza tra gli strumenti e le tradizioni musicali isolane e quelli della loro terra? Certo è che questa esperienza se la porteranno nel cuore per sempre.

Da ieri, e sino a domenica, un gruppo di ragazzi che studiano nelle scuole di musica di due isole del complesso situato a nord della Scozia (Vágur e Suðuroy) sono in visita in Sardegna insieme ai loro insegnanti, ai presidi, ai genitori e al sindaco. Un viaggio alla scoperta del magnifico suono delle launeddas e dei segreti del canto a tenore. Organizzata dall’associazione culturale Iscandula, l’iniziativa ribattezzata “A musical bridge between Faroe Island and Sardinia”, cioè un ponte musicale tra la Sardegna e le isole Faroe, punta a uno scambio di saperi e di tradizioni tra isole all’apparenza molto diverse tra loro.

I giovani musicisti delle isole Faroe
I giovani musicisti delle isole Faroe

Sino a domenica i giovani musicisti del nord Europa potranno esibirsi, ascoltare la musica tradizionale sarda, visitare musei, seguire conferenze tematiche e interagire musicalmente insieme ai suonatori.

Dopo la tappa di ieri a Sinnai, il gruppo danese (una novantina di persone) oggi è ospite dell'Istituto comprensivo statale di Elmas, per un confronto con gli studenti sardi.

Domani si sposterà, invece, a Barumini per visitare la reggia nuragica e la Giara di Tuili, mentre il pomeriggio sarà dedicato a una visita nel Museo della Musica di Villa Asquer di Tuili. Proprio qui i maestri di launeddas Giuseppe Orrù e Franco Melis sveleranno i segreti dello strumento simbolo della Sardegna nel mondo, dando anche un saggio della loro abilità.

Sabato la delegazione sarà accolta con un evento ad hoc dalla facoltà di Giurisprudenza di Cagliari, durante il quale si parlerà di nuovo di launeddas, prima di lasciare spazio all’esibizione musicale degli studenti stranieri. Tappa nel quartiere cagliaritano di Villanova, nel pomeriggio, per una conferenza dal titolo "Le scuole di musica delle isole Faroe straordinario esempio di investimento culturale" a cui seguirà un confronto musicale tra i musicisti ospiti e quelli locali.

L’ultima giornata, domenica 8 marzo, prevede una puntatina a Bitti, tra le patrie del canto a tenore.

TrovaRistorante

a Cagliari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro