Nurri

Ammassate e incaprettate, trovate metà delle pecore rubate

Gli ovini erano nel furgone con tre giovani sotto i 30 anni fermato dai carabinieri durante un controllo in strada, i tre sono stati denunciati per ricettazione e maltrattamento di animali

NURRI. I carabinieri della stazione di Orroli hanno rinvenuto circa la metà delle ottanta pecore che erano state rubate nella notte tra il 6 e 7 marzo nelle campagne di Escolca, negli ovili di proprietà degli allevatori A. P. e G.F., entrambi residenti nel paese del Sarcidano,rispettivamente di 37 e 51 anni.

Una parte degli animali ovini sono stati trovati, ammassati e incaprettati e privi di contrassegno, nel cassonato di un Mitshubishi 1200 che è stata fermato ad un posto di blocco istituito dai militari nell’ambito di un servizio di controllo del territorio a fini preventivi disposto dal capitano Paolo Bonetti comandante della compagnia di Isili, nei pressi della zona industriale di Nurri.

Le persone che si trovavano a bordo del fuoristrada, tre ragazzi di Nurri, J. P. di 22 anni, S.P.G.S. di 24 anni e A.A. di 31 anni, tutti allevatori, sono stati denunciati a piede libero per ricettazione in concorso tra loro e maltrattamento di animali. I carabinieri poi hanno rinvenuto l’altra parte delle pecore rubate all’interno di una stalla sociale di proprietà del comune in uso a una delle tre persone denunciate. Gli animali al termine delle formalità di rito sono stati restituiti

ai legittimi proprietari.

Nelle campagne del Sarcidano, ultimamente si sta verificando una recrudescenza dell’abigeato , un reato molto comune sino agli ultimi decenni del secolo scorso, che, grazie ad azioni mirate delle forze dell’ordine era stato quasi del tutto debellato.

TrovaRistorante

a Cagliari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller