Ortacesus

Cercò di rubare in chiesa, sei anni dopo identificato col dna

Un commerciante 50enne della provincia di Sassari è stato denunciato dai carabinieri della stazione di Senorbì

ORTACESUS. I carabinieri della stazione di Senorbì, dopo quasi sei anni, grazie soprattutto alle analisi tecniche rilevate ed effettuate dai colleghi del reparto investigazioni scientifiche (Ris ) di Cagliari, sono riusciti ad identificare il presunto autore di un tentativo di furto perpetrato nel luglio del 2009 ai danni della canonica della chiesa parrocchiale di Ortacesus.

L’uomo, C.S., un commerciante cinquantenne residente in un comune della provincia di Sassari con alcuni precedenti penali, è stato denunciato a piede libero per tentato furto. Il ladro si era ferito ad una mano mentre, per introdursi nella canonica, approfittando dell’assenza del parroco, aveva con un pugno infranto un vetro.

I carabinieri sono riusciti ad identificarlo grazie al dna. I carabinieri ritengono che il

ladro, scappato a mani vuote, fosse alla ricerca di arredi sacri antichi. "L'identificazione del presunto ladro è una nuova gratificazione per la provata professionalità dei carabinieri della stazione di Senorbì- sottolinea il capitano Gabriele Porta, comandante della compagnia di Dolianova

TrovaRistorante

a Cagliari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller