Barrali

Cavallo travolto e ucciso: la proprietaria è una sassarese

Il suo nome era Lexus, ha avuto diversi proprietari compresa una famosa scuderia di Siena che fornisce vegli esemplari al palio. Sia la proprietaria che l'effettivo possessore dovranno pagare i danni all'automobilista che lo ha investito: la sua auto è andata distrutta

leggi anche:

BARRALI.
I carabinieri della stazione di Barrali sono riusciti ad identificare il cavallo che nel mese di febbraio era stato travolto ed ucciso da un furgone Iveco nella strada statale 128 all’estrema periferia del centro abitato del paese della Trexenta.

I militari hanno anche identificato il proprietario e il possessore effettivo dell’animale. Nell’ordine sono: una commerciante di 55 anni di Sassari, e un impiegato di 53 anni di Barrali. L’identificazione di Lexus (il nome del cavallo) è stata possibile grazie al microcip, reso obbligatorio dal mese di luglio del 2009 per cavalli ed equini in generale in seguito ad una legge europea sull’anagrafe degli equidi.

Più difficile è stata invece l’identificazione del proprietario del cavallo che ha avuto diversi passaggi di mano non tutti documentati. Per un certo periodo è appartenuto ad una famosa scuderia di Siena che sforna i cavalli per il palio. Sia la proprietaria che il possessore effettivo sono stati denunciati a piede libero per omessa custodia e malgoverno di animale.

I due dovranno inoltre pagare i danni provocati al furgone, la cui parte anteriore è stata completamente distrutta, che sono stati stimati intorno a diecimila euro. Il proprietario dell’Iveco, un allevatore di San Basilio, rimase miracolosamente illeso.

TrovaRistorante

a Cagliari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro