Orroli, uccide il gatto della vicina strangolandolo con un filo d'acciaio

Ad accorgersi dell'uccisione dell'animale è stata la proprietaria. L'autore del barbaro gesto, un uomo di 71 anni, è stato denunciato

ORROLI. Stufo di veder gironzolare nel cortile della sua abitazione il gatto della vicina lo ha ucciso con un cappio confezionato con un filo di acciaio. Autore del gesto raccapricciante successo martedì mattina ad Orroli è stato F.Z. un pensionato di 71 anni. L’uomo è stato denunciato a piede libero dai carabinieri della stazione per aver violato l’articolo 638 del codice di procedura penale (uccisione animale altrui).

A fare il macabro ritrovamento è stata la proprietaria del felino, U. V. di 22 anni, che lo aveva adottato alcuni mesi fa dopo averlo trovato per strada malnutrito e infreddolito. L’animale sicuramente era stato abbandonato. La ragazza ha trovato il felino privo di vita mentre, come ogni mattina, lo cercava per dargli da mangiare. Il gatto è stato soffocato dal cappio predisposto ad hoc dal suo vicino confinante nel punto della recinzione in cui la bestia era solita passare.

La ragazza ha chiamato i carabinieri della stazione che poco dopo si sono recati sul posto. I militari dopo aver constatato la morte del felino, hanno individuato in breve tempo chi aveva sistemato la trappola fatale. L’intervento dei carabinieri ha evitato che degenerasse una animata e accesa discussione tra il pensionato, la ragazza e i suoi familiari tutti profondamente addolorati e colpiti da quanto accaduto. La proprietaria del felino mai avrebbe immaginato che tutto il suo amore

e le sue attenzioni per il suo gatto si sarebbero infrante a causa della perfidia e crudeltà del suo vicino. Messo alle strette il pensionato ha confessato. L’uomo ha detto di aver eliminato il gatto perché spesso andava a fare i bisogni nelle verdure del suo orto. (gian carlo bulla)

TrovaRistorante

a Cagliari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO: DAL WEB ALLE LIBRERIE

Come vendere un libro su Amazon e da Feltrinelli