Uta, bimbo di 15 mesi asmatico rinchiuso in carcere con la madre

La presidente dell'associazione Sdr Maria Grazia Caligaris denuncia il caso e segnala che a Senorbì esiste l'Icam, istituto a custodia attenuata per madri detenute

CAGLIARI. “Ancora una volta un bimbo di pochi mesi si trova in cella con la giovane madre. Il piccolo di appena 15 mesi è asmatico. Una situazione che nella Casa Circondariale di Cagliari-Uta risulta inaccettabile dal momento che in Sardegna, a Senorbì, è stata allestito un Istituto a Custodia Attenuata per Madri detenute (Icam)”.

Lo afferma Maria Grazia Caligaris, presidente dell’Associazione Socialismo Diritto Riforme con riferimento alla vicenda giudiziaria di Liliana P., 30 anni, rumena, e del figlioletto con cui condivide la cella. “Per quanto possano esservi esigenze cautelari gravi – sottolinea Caligaris – una madre con un bimbo di 15 mesi non può stare in carcere. La sua presenza nella sezione femminile è una nuova pesante sconfitta delle istituzioni che devono farsi carico di trovare delle strutture esterne a custodia attenuata. Si può garantire la sicurezza, evitando però a un neonato di pagare colpe che non ha”.

“Oltre all’Icam, dislocato purtroppo in una località periferica, esistono – ricorda la presidente di Sdr che ha incontrato la donna e ha preso contatti con il suo legale Michele Satta - alternative alla detenzione che non possono essere ignorate. Tra l’altro il braccialetto elettronico consentirebbe alle forze dell’ordine di monitorare costantemente la donna nella sua casa e al piccolo di usufruire di un ambiente idoneo a ridurre i rischi di eventuali pericolose crisi respiratorie”.

“La presenza del bambino, arrivato a Uta nella serata di mercoledì, ha suscitato apprensione tra le agenti penitenziarie che tuttavia lo accudiscono con particolare attenzione e tenerezza. L’auspicio è che i tempi della giustizia, in casi come questo – conclude Caligaris - non possano essere così lunghi da costringere un bimbo di 15 mesi

a rimanere diverse settimane in una struttura carceraria. Nonostante l’impegno dei diversi operatori, un Istituto di Pena non è, per diversi motivi, un posto per neonati”.

Con il piccolo a Cagliari-Uta sono tre i bimbi nelle carceri sarde. Due infatti si trovano a Sassari-Bancali.

TrovaRistorante

a Cagliari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community