Villacidro, imprenditore pianta fiori in un'aiuola incolta: 850 euro di multa

E' diventato virale il video dove Stefano Vacca titolare del bar Pausa Loca racconta una vicenda che sembra incredibile

VILLACIDRO. Un verbale da 850 euro della polizia municipale per aver piantato fiorellini in una piccola aiuola sul marciapiede dove tempo fa c’era un albero ornamentale del viale e che poi, senza più la pianta fatta abbattere dall’ufficio tecnico comunale, si era trasformata in un contenitore di erba secca e di rifiuti di strada. Teatro della paradossale vicenda la centralissima via Repubblica, protagonista Stefano Vacca, 37 anni, titolare del bar Pausa Loca.

Stefano Vacca mostra il verbale
Stefano Vacca mostra il verbale

E’ lui che, infastidito dal quel ricettacolo di immondizia davanti al suo locale, aveva trasformato quel fazzolettino di terreno pubblico in una aiuola fiorita. Mai l’avesse fatto, non aveva un’autorizzazione scritta (solo verbale da parte di un assessore) e non doveva soprattutto realizzare a protezione di quel piccolo recinto verde un piccolo cordolo rustico con sassi raccolti altrove. Una barriera alta di una decina di centimetri, quanto i cordoli di altre aiuole (non molte, in verità) sparse nei marciapiedi del paese.

Dopo l’accaduto Stefano Vacca ha deciso di pubblicare un video su Facebook in cui ha voluto dare la sua versione dei fatti. Il video è diventato subito un caso, attirando l’attenzione di una vasta platea di gente. “Dopo il taglio degli alberi – racconta Stefano Vacca – le aiuole sono diventate contenitori per rifiuti di ogni genere perché le strade non vengono pulite. Le piante non sono mai state sostituite e ho pensato semplicemente di fare qualcosa, insieme agli altri esercenti della zona, per il decoro urbano di quella parte di via di fronte al mio locale”.

L’imprenditore aveva presentato una domanda protocollata alla vecchia amministrazione in cui chiedeva di poter abbellire il tratto di strada di fronte al suo locale ripulendo le aiuole ormai diventate dei veri e propri ricettacoli di rifiuti e poter piantare dei fiori. “La proposta mi fu bocciata – racconta Vacca sul sito del blog Villacidro.Info - ma col passare del tempo ho ripresentato la mia idea a un assessore che mi ha aiutato sollecitando l’Ufficio Tecnico a prendere in considerazione il progetto”.

Alla fine Stefano Vacca ha avuto l’autorizzazione a procedere ma nella domanda si era dimenticato di specificare che avrebbe usato delle pietre per contenere la terra delle aiuole e contemporaneamente evitare che i rifiuti trasportati dal vento si depositassero al suo interno. “Le aiuole – dice Stefano Vacca – sono state intese come opere murarie, secondo quanto riporta il verbale. Inoltre il fatto mi è stato contestato in malo modo da un pubblico ufficiale, durante la consegna della multa, mi sono state buttate le pietre a calci”.

La contestazione ricevuta riguarda la presunta costruzione di una barriera architettonica per cui i passanti potrebbero inciampare e cadere nelle pietre che fanno da cornice all’aiuola. “Mi piacerebbe che l’Ufficio Tecnico comunale che ha contestato l’aiuola – continua l’imprenditore villacidrese – spiegasse che differenza c’è tra la mia e le tante aiuole che sono state fatte dal Comune, in tutto il paese, attorniate da dei cordoli di cemento che superano abbondantemente il livello del manto stradale”.

Sono tanti gli esempi che Stefano Vacca presenta attraverso materiale fotografico da lui raccolto in cui mette a confronto le opere a norma “perché fatte dal Comune” e quella a lui contestata.“Non sono le amministrazioni il problema – termina – perché da parte di sindaco e assessori c’è stata la buona volontà ma è l’Ufficio Tecnico che vuole bloccare tutto mentre sono tante le situazioni in realtà non a norma e pericolose che si possono riscontrare per le strade accettate solo perché approvate dall’Ufficio Tecnico”.

Sulla vicenda è intervenuta anche il sindaco Marta Cabriolu. “Ho parlato con il signor Stefano Vacca della situazione – ha detto a Villacidro.Info -. Mi dispiace molto per quanto accaduto. Purtroppo la legge è tassativa, per eseguire le opere bisognava aspettare l’autorizzazione dell ufficio tecnico. Mi rendo perfettamente conto che a Villacidro moltissime aiuole sono vuote o comunque in condizioni discutibili. Quanto accaduto non può che servire a sollecitare l’approvazione del regolamento del volontariato. In questo modo ci saranno regole da rispettare, ma i cittadini saranno messi nelle condizioni di poter effettuare anche opere di abbellimento, come hanno fatto gli esercenti della via Repubblica”.

TrovaRistorante

a Cagliari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PUBBLICARE UN LIBRO: DAL WEB ALLE LIBRERIE

Come vendere un libro su Amazon e da Feltrinelli