Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Tre arresti dei carabinieri per una rapina a mano armata

I militari di Dolianova hanno individuati gli autori del colpo nel quale rimase ferito un imprenditore

SUELLI. Michele Atzeni, 38 anni, Paolo Cannas, 28 anni e Giuliano Massa, 39, tutti originari di Suelli e con dei precedenti penali per reati contro il patrimonio, sono stati arrestati questa mattina (venerdì 17 novembre) dai carabinieri della compagnia di Dolianova in esecuzione di 3 ordinanze di custodia cautelare.

Secondo l’accusa i tre sarebbero i responsabili della tentata rapina a mano armata nei confronti dell’imprenditore Paolo Marongiu, 53 anni, originario di Selegas, titolare dei centri commerciali “Eurospin” di Selegas e “LD di Dolianova e Cagliari (via Simeto) avvenuta il 17 agosto 2015 all’altezza del chilometro 2,900 della strada provinciale 41 che si immette nella statale 128, nel comune di Ortacesus.

Nel corso della tentata rapina l’imprenditore rimase ferito al polso sinistro da un colpo d’arma da fuoco esploso da uno dei malviventi. I tre presunti malviventi allontanatisi a bordo di una Peugeot 206 di colore sono stati identificati grazie alle indicazioni fornite dall’imprenditore e al rinvenimento a Santa Teresa di Gallura della pistola utilizzata per compiere il tentativo di rapina.

Alle operazioni di arresto effettuate dai carabinieri della compagnia di Dolianova, guidati dal comandante il tenente Pasquale Pinnelli, e coadiuvati da colleghi della compagnia di Iglesias, hanno partecipato una trentina di militari e una unità cinofila del comando provinciale di Cagliari.

Nel corso delle perquisizioni domiciliari i militari hanno rinvenuto 5 chili di marijuana e una pistola scaccia cani parzialmente modificata. Al termine delle formalità di rito Michele Atzeni e Paolo Cannas, ritenuti i progettatori ed esecutori della tentata rapina, sono stati portati in a Uta. Giuliano Massa, invece, nella propria abitazione agli arresti domiciliari.