Sant'Antioco, neonato morto per crisi respiratoria

L'autopsia non chiarisce molto: serviranno ulteriori esami istologici

CAGLIARI. Saranno necessari gli esami istologici per chiarire le cause del decesso del neonato di due mesi, morto lunedì scorso nella sua culla a Sant'Antioco. L' autopsia disposta dal sostituto procuratore di Cagliari, Gaetano Porcu, è stata eseguita dal medico legale Nicola Lenigno nell'istituto specialistico del Policlinico di Monserrato, ma l'esame ha chiarito solamente che il bimbo è morto per una grave crisi respiratoria. Per scoprire le ragioni servirà dunque un ulteriore riscontro di laboratorio.

Lunedì 11 dicembre, verso le 18.30, i genitori si erano accorti che il loro bimbo aveva smesso di respirare: hanno subito chiamato il 118, ma i soccorritori una volta giunti sul posto hanno potuto solo

constatarne la morte. La Procura ha aperto un fascicolo per omicidio colposo ma senza che nessuno sia stato ancora iscritto nel registro degli indagati. L'ipotesi più accreditata resta quella di una disgrazia, ma solo tra qualche settimana le analisi di laboratorio daranno risposte certe.

TrovaRistorante

a Cagliari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro