Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Peste suina, scoperto un allevamento abusivo di maiali a Sant'Andrea Frius

Recinto e ricovero erano ben nascosti e tra i suini c'erano anche cinghiali non incrociati

CAGLIARI. Un allevamento illegale di suini è stato scoperto in Trexenta dagli operatori del Servizio Ispettorato di Cagliari del Corpo Forestale e di vigilanza, 18 gli animali sequestrati. Il personale del Nucleo Investigativo, coadiuvato da quello delle Stazioni forestali di Isili e Senorbì, è intervenuto in un bosco nella campagna di Sant'Andrea Frius.

In una zona particolarmente nascosta era stato realizzato un recinto e un ricovero per ospitare alcuni suini incrociati con cinghiali. Il controllo, eseguito insieme ai veterinari dell'Ats (l'Azienda per la tutela della salute) del Dipartimento Sanità Animale di Senorbì, ha accertato che l'allevamento era completamente abusivo, senza registrazione aziendale e di conseguenza privo di qualsiasi controllo sanitario. Inoltre l'allevamento veniva portato avanti all'insaputa del proprietario del terreno.

L'allevamento, costituito da 18 suini, è stato quindi posto sotto sequestro sanitario. Sono stati informati il sindaco del Comune di Sant'Andrea Frius, Simone Melis, e i vertici dell'Unità di progetto (UdP) per l'eradicazione della Peste suina africana (Psa) in Sardegna.

Il caso dimostra che la lotta alla Psa non ha connotazioni strettamente territoriali, ma riguarda le buone pratiche dell'allevamento che tutti i cittadini devono rispettare. All'allevatore clandestino è stato contestato l'allevamento abusivo di suini e di selvaggina: tra gli animali rinchiusi sono stati infatti trovati anche alcuni cinghiali non incrociati. Tutti gli esemplari sono stati sottoposti alla visita veterinaria e ai relativi prelievi.