Sant'Andrea Frius, abbattuti i cinghiali dell'allevamento abusivo

Lotta alla peste suina, tutti gli animali erano privu di qualsiasi segno di identificazione

SANT'ANDREA FRIUS. Sono stati abbattuti i 14 cinghiali che martedì erano stati rinvenuti e sequestrati in un fondo chiuso in località “Sa Serra de su Conti” nelle campagne di Sant’Andrea Frius dagli agenti del corpo forestale e di vigilanza ambientale e dagli addetti del servizio veterinario dell’Assl di Cagliari durante un servizio di controllo del territorio effettuato nell’ambito delle attività di contrasto alla peste suina africana e di vigilanza sul pascolo brado illegale e l’allevamento irregolare di maiali.

leggi anche:

Gli animali erano privi di qualsiasi segno di identificazione e pertanto mai sottoposti a controlli sanitari. Dopo l’abbattimento sono stati prelevati dei campioni per i controlli di rito sulla peste suina africana (psa) e trichinella. I cinghiali sono stati interrati nei pressi del luogo dove sono stati rinvenuti secondo le norme previste in materia. A tutte le operazioni ha fattivamente collaborato l’amministrazione di Sant’Andrea Frius, il comune che segna la linea di demarcazione tra il Gerrei, la Trexenta e il Parteolla. L’unità di progetto per l’eradicazione della peste suina africana in Sardegna esorta gli allevatori abusivi, che ancora non lo avessero fatto, a regolarizzare la propria posizione così da detenere suini nel rispetto della legge e delle buone pratiche del benessere degli animali.

“Si sta facendo uno sforzo straordinario per debellare la Psa da tutta la Sardegna – ha commentato l’UdP –. Nella nostra regione non ci sono zone franche: esistono certamente aree più critiche, ma su tutto il territorio le regole verranno fatte rispettare allo stesso modo”.(g.c.b.)

TrovaRistorante

a Cagliari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro