Flotta Sarda, la Saremar fa causa alla Regione

L'operazione si rivelò in perdita già in alta stagione, in inverno la compagnia perse 11 milioni di euro.

CAGLIARI. «La Saremar fa causa alla Regione per l'atto di indirizzo che mise in campo la flotta sarda: tutto ciò è ridicolo, sono finzioni giuridiche che servono solo a far lavorare gli avvocati». Così l'esponente di Forza Italia, Ugo Cappellacci, che nel 2011 e 2012, da presidente della Regione, chiese alla compagnia di navigazione di fare la spola tra l'Isola e i porti di Civitavecchia e Vado Ligure con l'obiettivo di calmierare i prezzi dei traghetti.

L'operazione si rivelò in perdita già in alta stagione, in inverno Saremar perse 11 milioni di euro. Nel 2014 la Commissione europea condannò la compagnia a restituire 10,8 milioni presi dalla Regione per far quadrare i conti. Oggi la Saremar cita in giudizio la Regione - l'atto è scritto dagli avvocati Gabriele Racugno e Cristiano Cincotti - perché ritiene di aver subito un danno.

«Basta prendere le delibere di quegli anni e si vedrà che l'indirizzo esiste - ha spiegato Cappellacci a margine della presentazione dei candidati di Forza Italia alle prossime elezioni politiche - ed era quello di dar vita alla flotta sarda tenendo una contabilità

separata al fine di assicurare l'economicità dell'operazione e il pareggio». Semmai, ha concluso l'ex governatore, «è la Regione che dovrebbe prendersela con Saremar se qualcosa non è andata in questo senso». Sulla decisione della Commissione Ue: «Fu assurda e le motivazioni pure».

TrovaRistorante

a Cagliari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGI E TESI DI LAUREA

Premio ilmioesordio, invia il tuo libro