Da Assemini a Cascia con sa panada sognando il gemellaggio

Alla fiera del Capo Lanuto una folta rappresentanza sarda, l'invito in ricordo di sa paradura, il grande gesto dei pastori sardi che donarono numerose pecore agli allevatori colpiti dal terremoto

CAGLIARI. Sa Paradura, il dono di una pecora da parte di ogni pastore, organizzata con Coldiretti, Prociv e il gruppo di musicisti Istentales dopo il terremoto del 2016 nella zona di Cascia, è rimasta nel cuore degli umbri e, per questo motivo, il comune di Cascia ha rinnovato il coinvolgimento della Sardegna durante la “Fiera del Capo Lanuto” e la manifestazione in corso in questi giorni si chiama proprio “Capo Lanuto – Sa Paradura”.

Lo racconta Antonio Scano, presidente dell'associazione culturale Proposta civica di Assemini, perché c'è una novità: anche Assemini è presente a Cascia e ha portato la sua specialità gastronomica, sa panada.

Così Antonio Scano: «Sto vivendo un’esperienza molto intensa

ed imparando che non esistono confini al senso di comunità. Sono felice che, dopo il successo della nostra ceramica artistica, anche sa panada asseminese sia stata molto apprezzata. Credo che questo rapporto debba crescere, perciò auspico che Assemini possa presto gemellarsi con Cascia».

TrovaRistorante

a Cagliari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro