Due tartarughe ferite salvate in mare

Recuperate nelle acque di Carloforte e Sant'Antioco sono state portate dai forestali al Centro recupero cetacei e tartarughe marine di Nora

CARLOFORTE. Doppio intervento, stamane 20 aprile, per soccorrere tartarughe marine in difficoltà, nelle acque delle isole di San Pietro e Sant'Antioco. La prima segnalazione, è giunta alla Guardia Costiera di Carloforte da parte di due sub che stavano pescando nella zona di capo Sandalo, ad ovest dell'isola tabarchina. Si trattava di una tartaruga adulta, notata dai sub muoversi molto lentamente, tra la superficie ed il fondo, per cui hanno deciso di intervenire.

Sul posto, è giunta una squadra della Lavoc, i volontari della Protezione Civile carlofortina che, una volta imbarcato il rettile sul gommone, lo hanno trasportato a Calasetta, per condurlo al Centro recupero cetacei e tartarughe marine di Nora. La tartaruga appariva debilitata e con un taglio in testa, che potrebbe essere stato causato da una beccata di un suo simile.

In seguito, l'altra segnalazione è giunta dal golfo di Palmas, di fronte alle saline, ed è stata fatta da un pescatore professionista di Sant'Antioco, che ha notato la tartaruga galleggiare in precarie condizioni. Avvicinatosi, l'ha imbarcata e trasportata in porto, dove una pattuglia della Forestale l'ha trasportata a Nora. In questo caso, l'animale aveva lesioni alla pinna posteriore destra, tali da far supporre il contatto

violento con una barca, ed un'infezione in corso.

Entrambi gli esemplari di Caretta caretta sono sottoposte a terapia d'urgenza e solo nei prossimi giorni si capirà se e quando saranno in grado di riprendersi ed essere successivamente liberate in mare, dove sono state raccolte.

TrovaRistorante

a Cagliari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro