Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

A Escolca va in scena la festa del pane e dell'olio

Due giorni di sfilate in abiti tradizionali, concerti e cabaret con Piero Marras e Giobbe Covatta

ESCOLCA. Prende il via questa mattina, sabato 5 maggio, “Sa dia de s’ollu et su liori” (la festa dell’olio e del pane), la festa dell'ospitalità e delle eccellenze escolchesi., organizzata dalla pro loco del paese del Sarcidano con la collaborazione dell’associazione culturale “Mariolè”, del comune e del Laore e il contributo della regione e della Fondazione di Sardegna.

La manifestazione, ricca di attesissimi appuntamenti, sarà una importante vetrina per le eccellenze enogastronomiche del territorio, dall’olio, al vino, al pane, tutti prodotti di nicchia. Per l’occasione la Cia (spesa in campagna) e la Coldiretti (campagna amica) hanno allestito degli stand espositivi e di vendita. In mattinata sono in programma diverse dimostrazioni, tra le quali spiccano: la lavorazione della cera e la realizzazione di candele artistiche,la tessitura al telaio, la lavorazione del pane, della fregola e dei “maccaronis de cioliriu”e la realizzazione di “mustaionis”, botti e launeddas. Seguiranno la tavola rotonda dal titolo “Grano e olio, mercato e il ruolo dei produttori per promuovere le eccellenze isolane oltre il mare” moderata dalle giornaliste Rosanna Cancellieri e Virginia Saba e un concerto musicale itinerante della “Medafunky street band”.

Nel pomeriggio a Gergei nell’agriturismo “Is Perdas” ci sarà una degustazione dei vini delle cantine “Argei le fattorie Renolia” (Gergei), “”Olianas” (Gergei), “Agricola Soi” (Nuragus), “La casa di Sophia di Luisa Camoglio” (Calasetta), “Quartomoro Sardegna” (Arborea) curata dall’esperto Antonio Spada e il recital poetico musicale “In vino versi” con Gisella e Pierpaolo Vacca. Seguiranno la sfilata e l’esibizione dei gruppi folkloristici “Vecchia Valenza” di Nuragus, “S’acua e dolus” di Settimo San Pietro, “Montanaru” di Desulo, “Città di Dolianova” di Dolianova, “Sant’Elena Imperatrice” di Gairo. La giornata sarà conclusa da un concerto di Piero Marras e del trio “Cordas e Cannas”.

Domenica mattina sono in programma una passeggiata guidata tra gli oliveti, un percorso guidato per il riconoscimento e la raccolta di erbe spontanee, il laboratorio di ecodesign “Giochi di terra e olive”, la realizzazione di “Un arazzo di terra” col l’utilizzo di terra cruda, olio e cereali e l’assegnazione del “Premio Ulivo d’oro”. Tra gli ospiti Licia Colò, autrice televisiva, Giuseppe Carrus, giornalista del “Gambero rosso”, Piero Cella, enologo e Antonello Arrus, stella Michelin 2014. Durante la premiazione dei vincitori della rassegna olearia il sindaco di Escolca Eugenio Lai e il presidente del Consorzio Costa Smeralda Renzo Persico sottoscriveranno un protocollo d’intesa finalizzato alla nascita di una collaborazione per la valorizzazione dei prodotti tipici ed enogastronomici locali.

Seguiranno l’esibizione itinerante dei tenores “San Gavino” di Oniferi, del coro polifonico “Cuntzertu” di Abbasanta e del “Trio Banderas”. Al pomeriggio laboratori sull’utilizzo delle erbe spontanee ad uso gastronomico e sulla lavorazione del formaggio. La manifestazione sarà conclusa dalla sfilata di tre maschere tradizionali del carnevale isolano: “Boes e Merdules” di Ottana, “S’Iscusorzu” di Teti e “Urtthos e Buttudos” di Fonni, che proporranno i loro antichi rituali che hanno avuto origine nella notte dei tempi, e dallo spettacolo di cabaret di Giobbe Covatta. (gian carlo bulla)