Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Sacerdoti da 50 anni, festa a San Vito per don Pisano e don Pes

Il 14 luglio 1968 il gruppo di sette giovani entrò nell'esercito della Chiesa, fra questi anche don Ettore Cannavera recentemente nominato commendatore dell'Ordine al merito dal presidente della Repubblica

SAN VITO. La comunità parrocchiale di San Vito oggi 15 luglio e domani 16 festeggerà il cinquantesimo anniversario dell’ordinazione sacerdotale di don Antonio Pisano e don Giuseppe Pes. Entrambi sono stati ordinati sacerdoti da monsignor Paolo Botto nella chiesa parrocchiale di San Lucifero a Cagliari il 14 luglio del 1968 .Lo stesso giorno e nella stessa chiesa sono stati ordinati sacerdoti anche monsignor Paolo Alamanni, attuale parroco della Beata Vergine del Carmine ad Assemini, don Ettore Cannavera, ex cappellano del carcere minorile di Quartucciu e fondatore della comunità “La Collina” di Serdiana (recentemente nominato commendatore dal presidente della Repubblica), don Francesco Frau, parroco di San Pantaleo a Dolianova, monsignor Efisio Zara, parroco di Santa Giusta Vergine e Martire a Gesico, e don Gesuino Prost deceduto nel 2006.

Don Pisano

Don Antonio Pisano, secondogenito degli otto figli di Virginia Todde e Giovanni, un pastore, è nato a San Vito il 10 ottobre del 1940. Ha frequentato le scuole medie nel seminario arcivescovile di Dolianova, il ginnasio nel nuovo seminario del colle di San Michele a Cagliari e la pontificia facoltà di teologia della Sardegna a Cuglieri. Uno dei suoi fratelli, Giuseppe, ordinato sacerdote l’otto luglio del 1978 nella cappella del seminario arcivescovile di Cagliari, da monsignor Giuseppe Bonfiglioli, è attualmente parroco di Nostra Signora di Monserrat a Burcei .Don Antonio, in pensione dal 2016, è stato parroco di San Priamo e cappellano della colonia marina di Torre Salinas, di Armungia, Ballao, Silius (dal 1984 al 1986) e San Biagio a Dolianova (dal 1996 al 2015). Attualmente si rende disponibile a sostituire i parroci della foranea del Sarrabus. “Ringrazio il signore e la Madonna per il dono ricevuto- afferma don Antonio-. Chiedo perdono per le mie debolezze ai familiari e fedeli incontrati nel mio ministero”. Don Antonio celebrerà questo pomeriggio alle 19 nella chiesa parrocchiale di San Vito Martire la messa di ringraziamento.

Don Giuseppe Pes, primogenito dei 4 figli di Barbara Pinna e Beniamino, è nato a Sanluri il 1 dicembre del 1943. Dal 1968 al 1975 è stato vice parroco a San Vito di don Pietro Aresu e don Vitale Vacca e per un breve periodo a Muravera di don Giovanni Cadoni. Il 31 ottobre del 1975 è stato nominato parroco di San Vito. Ha guidato la parrocchia del paese del Sarrabus sino al 1990. Si è distinto per essersi adoperato per la costruzione della chiesa di Santa Barbara (contributo regionale e sottoscrizione popolare), la ristrutturazione della chiesa campestre di San Giorgio e di quella di Santa Maria , il rifacimento della chiesa di San Lussorio, e l’avviamento di diverse attività nell’oratorio, molto seguite ed apprezzate. Dal 1990 al 2008 è stato parroco di San Pietro Apostolo a Monastir. Nel paese del Campidano si è distinto per aver dato un grosso impulso al completamento della costruzione della chiesa di Nostra Signora di Fatima, per essersi adoperato per la ristrutturazione della chiesa parrocchiale, compreso il restauro conservativo di tutte le pitture, e per aver avviato le attività oratoriali. Dal 2008 è parroco di San Leonardo a Serramanna.”Mi sento una persona privilegiata e sono grato al Signore- afferma don Pes- per essere stato scelto e avermi annoverato tra i suoi ministri”. Don Pes entro il primo dicembre dovrà fare domanda di quiescenza. Compirà infatti 75 anni. “Sono arciconvinto che il vescovo monsignor Arrigo Miglio non la prenderà in considerazione e mi chiederà di continuare l’ apostolato. Sono disponibile sino a quando starò bene in salute. Fare il prete pur essendo molto impegnativo mi appaga. Don Giuseppe Pes (domani) lunedì celebrerà alle 19 la messa di ringraziamento nella chiesa parrocchiale di San Vito.