Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Si rovescia il gommone,  famiglia in pericolo a Carloforte

I naufraghi in attesa dei soccorsi sono riusciti a salire in questi scogli

Quattro adulti e una bambina si salvano salendo sugli scogli: pronto intervento dei soccorsi

CARLOFORTE. Poteva finire in tragedia la gita domenicale odierna di un gruppo di cinque persone, tra cui una bambina, a bordo di un gommone rovesciatosi nella costa settentrionale dell'isola di San Pietro. Fortunatamente, la dinamica dei fatti e il tempestivo intervento dei soccorsi, ha evitato conseguenze peggiori.

Il gruppo, composto da due uomini, due donne e una bambina, provenienti dal cagliaritano, stamane 22 luglio a Calasetta hanno preso a noleggio un gommone e, nonostante le condizioni meteo non lo suggerissero (instabilità e vento da maestrale) si sono diretti verso la Punta ed oltre, costeggiando l'isola di San Pietro fino a cala Vinagra. A quel punto, onde e vento si sono fatti minacciosi e hanno reso proibitiva la navigazione. Mentre gli occupanti tentavano di raggiungere terra, il gommone si è rovesciato.

Tra molte difficoltà, i cinque sono riusciti a salire sugli scogli senza ferirsi, ma impauriti. L'ansia è proseguita quando si sono trovati bloccati sulla scogliera, col mare mosso di fronte e il dirupo alle spalle. A quel punto hanno chiamato i soccorsi, allertando la sala operativa del Circomare di Carloforte, che ha inviato sul posto due gommoni, a cui si è aggiunto un terzo dei volontari isolani della Lavoc.

Considerata la precaria situazione, è stato allertato anche il soccorso aereo tramite elicotteri, pronto ad intervenire dall'alto per recuperare i novelli naufraghi. Poi, approfittando di una tregua del moto ondoso e grazie all'abilità dei soccorritori, si è riusciti a recuperare uno ad uno gli adulti e la bambina, imbarcarli nei mezzi di soccorso e trasportarli in porto. Si è chiusa così limitando i danni una gita in mare che, per imperizia e superficialità, poteva avere risvolti molto drammatici. (Simone Repetto)