Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

A Sadali va in scena la venticinquesima sagra dei culurgionis

Sabato 4 e domenica 5 agosto protagonista il piatto tipico a base di patate, menta e pecorino

SADALI. Un ricco e variegato programma di appuntamenti musicali, folkloristici, teatrali, enogastronomici animerà sabato e domenica la venticinquesima edizione della sagra dei “Culurgionis”, il piatto tipico della cucina sadalese. L’atteso appuntamento gastronomico organizzato dalla pro loco con la collaborazione dell’eco museo e del comune, richiamerà questo fine settimana nel paese della Barbagia di Seulo centinaia di visitatori. Is culurgionis sadalesi ripieni di patate, menta e pecorino, vengono serviti o in bianco con una spruzzata di pecorino che ne esalta il gusto o con sugo di pomodoro. Gli organizzatori della prima edizione, nata nel 1993, si sono ispirati a una antica festa contadina che veniva organizzata alla fine dell’annata agraria per rendere omaggio alla natura ringraziandola per il raccolto e per propiziare quelli successivi.

La sagra inizierà sabato alle 17 con l’apertura delle botteghe, degli stand e della mostra “La cascata dell’arte” allestita nella casa Podda. A partire dalla stessa ora le vie del centro storico saranno animate da musica dal vivo e giocoleria. Alle 18 prenderanno il via diversi laboratori: confezionamento dei “culurgionis”, tessitura de “sa corda” (la treccia), un’altra delle eccellenze della cucina sadalese, la preparazione del formaggio e del torrone. Alle 19 in piazza San Valentino inizierà la degustazione dei “Culurgionis” animata dalla musica dei “Tres Passos” e dei “Jazz Traveller”. Alle ore 20 nel cortile di casa Podda rappresentazione teatrale musicale dell’opera di Edgar Allan Poe “La maschera della morte rossa” Seguiranno una esibizione di danze orientali e il concerto della cover band “Oniria” composta da Silvia Trullu: voce, Federico Pilia : chitarra, Maurizio Corda: batteria, Davide Corda: basso, Andrea Melis: tastiera.

Domenica mattina saranno riproposti gli stessi laboratori di sabato. Alle 12 in piazza San Valentino inizierà la degustazione dei “Culurgionis”. Seguiranno musica balli e spettacolo per i bambini. Alle 17,30 sfilata ed esibizione delle maschere “S’Urtzu e su Pimpirimponi”, di Sadali e “Su Maimoni, su Stramaioni e Grastula” di Gadoni. Alle 19 nuova degustazione di “Culurgionis” . La sagra sarà conclusa da un concerto di musica etnica irlandese e sarda del gruppo “Glee’s” composto da Annalisa Ghiani, voce e bodhràn, Rosario Vargiu, flauto traverso, wooden flute & tin whistles, Paolo Cimino, violino e mandolino, Giuseppe Lo Vasco, chitarra Dadgad, Claudio Kalb, voce bouzouki, bodhràn, Massimiliano Viani, violino, Simone Milia, bodhràn e banjo. Gruppo nato nel 1981. (gian carlo bulla)