Prendono una nacchera dall'area marina protetta: super multa per due turisti

Un altro prelievo vietato a Villasimius, stavolta ad opera di due ferraresi che sono stati notati dai bagnanti i quali li hanno subito segnalati al Corpo forestale

VILLASIMIUS. Costerà salata una conchiglia di pinna nobilis ad una coppia di turisti ferraresi. I due incuranti del divieto hanno “prelevato” il guscio da un fondale ai piedi della fortezza vecchia nel versante di Cala Caterina all’interno dell’area marina protetta di Capo Carbonara. Ad accorgersi del “furto” sono stati alcuni bagnati che hanno allertato gli agenti del corpo forestale e di vigilanza ambientale della base logistica operativa navale (blon) di Villasimius.

I due turisti, in attesa del loro arrivo,sono stati “bloccati” dalle “Guardie ambientali Sardegna”, l’associazione di volontariato di Villasimius presieduta da Lino Cozzuto, che si trovavano nella spiaggia della Fortezza Vecchia per supportare gli organizzatori della manifestazione settimanale, organizzata nel periodo estivo, dal centro di educazione ambientale e sostenibilità (Ceas) del centro visite dell’area marina protetta di Capo Carbonara che oggi 31 agosto verteva tra l’altro in modo particolare sulle conchiglie. “I due turisti- sottolinea l’ispettore superiore Marcello Rossi, comandante della blon di stanza nel

porto turistico “Marina di Villasimius”, così come prevede l’articolo 40 della legge regionale 16 del 2017, dovranno pagare una sanzione amministrativa da 500 a 3000 euro”. Nonostante i divieti continua il “saccheggio” delle nostre spiagge da parte di turisti poco rispettosi dell’ambiente.

TrovaRistorante

a Cagliari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro