Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Sa Notti Arrubia: a Orroli tour sensoriale nel nuraghe, dress code una maglietta rossa

Visita guidata nel complesso pentalobato unico in Sardegna giunto fino al nostro tempo, degustazione finale di vino rosso e "cullixonisi de sanguini"

ORROLI. Oggi 1 settembre a partire dalle 22,30 si terrà ad Orroli nello splendido scenario del nuraghe Arrubiu, edificato intorno al 1500 avanti Cristo, che deve il nome alla caratteristica colorazione rossa dei licheni che ricoprono le rocce, “Sa notti arrubia”, una visita guidata sensoriale all’interno dell’unico nuraghe pentalobato esistente in Sardegna, diventato il simbolo del paese del Sarcidano. Il percorso sensoriale avrà la durata di un’ora circa.

Lungo il cammino saranno raccontati diversi aneddoti sulla vita del nuraghe accompagnati dal suono delle launeddas di Nicola Agus “L'evento- spiega Maria Antonietta Leoni, presidente della società cooperativa “Is Janas” che dal 1996 gestisce la struttura, meta ogni anno di migliaia di visitatori, vuole essere un omaggio a uno tra i maggiori monumenti protostorici di tutto l'occidente europeo”. Il Nuraghe Arrubiu è considerato a ragione uno dei volani dello sviluppo economico del territorio. Dopo il suo recupero e restauro, infatti, che ha reso possibile la sua fruizione e gestione, sono nate diverse attività economiche soprattutto di accoglienza e ristorazione.

Grazie alla sua gestione 11 persone hanno trovato lavoro. Una vera e propria boccata di ossigeno in una zona a rischio spopolamento che ha uno tra i più alti tassi di disoccupazione regionale. L’organizzazione raccomanda ai partecipanti di indossare una maglietta o un indumento di colore rosso. L’escursione sarà conclusa da una, degustazione di vino rigorosamente rosso e cullixonisi de sanguni (ravioletti col sanguinaccio di maiale) un dolce arcaico.