Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Oggi sposi, con l'abito tradizionale

Escalaplano, Simona Corrias e Marco Podda hanno detto sì nella chiesa di San Sebastiano

ESCALAPLANO. Simona Corrias, quarantenne, lavoratrice stagionale, dipendente della “Sardinia First srl” di Ursula Kauper e Marco Podda, cinquantatreenne, dipendente della Svimisa (Sviluppo industriale miniere sarde) spa (miniera di Funtana Piroi di Escalaplano dalla quale si estrae argilla per le piastrelle), entrambi componenti del gruppo folkloristico San Salvatore, per pronunciare il fatidico si hanno indossato l'abito tradizionale sardo così come hanno fatto diversi invitati alle nozze.

Ad unire i novelli sposi, è stato nella chiesa di San Sebastiano don Luca Fadda il parroco del paese che segna la linea di confine tra il Sarcidano, il Gerrei e l’Ogliastra. Testimoni: per la sposa Simonetta Pala, infermiera Adi (assistenza domiciliare integrata), per lo sposo Franco Podda sottufficiale dell’aeronautica militare.

Alla cerimonia hanno assistito il padre della sposa Giovanni (86 anni) e la madre dello sposo Santina Farci (85 anni) entrambi vedovi. Al termine della cerimonia gli sposi hanno festeggiato sino a tarda sera con parenti ed amici in un noto locale di Escalaplano.