Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui

Carloforte invasa dalle zanzare: saltano eventi all'aperto, una ragazzina al pronto soccorso

Una ragazzina è ricorsa alle cure dei medici per le punture di zanzara

Cresce l'allarme per l'assedio degli insetti nonostante le ripetute disinfestazioni

CARLOFORTE. Un'invasione di zanzare è in corso sull'isola di San Pietro da fine agosto 2018 e ha già creato diversi problemi. Al punto da modificare eventi e programmi di residenti e turisti, allontanandoli dalle spiagge e dai locali all'aperto. Nei giorni scorsi, diversi cittadini sono finit al pronto soccorso, compresa una bambina in vacanza, con braccia e gambe devastate dalle punture.

Ieri sera 7 settembre, l'appuntamento dedicato alla memoria del giornalista scrittore Sergio Atzeni, che si sarebbe dovuto tenere al Giardino di Note è stato spostato nei locali chiusi dell'Exme proprio a causa delle zanzare. A memoria d'uomo non si ricorda una simile circostanza a fine estate nell'isola, senz'altro indotta dai forti temporali e relativi acquazzoni che hanno allagato molte zone. Il punto della situazione si evince da Facebook, dove tante persone hanno espresso umori negativi e vere e proprie psicosi, al punto da non uscire più la sera, neanche sotto la veranda di casa, per evitare l'incontro con nuvole di insetti pronti a pungere senza pietà. Molti hanno tristemente constatato l'inutilità dei comuni rimedi (andati a ruba nei negozi), tra cui zampironi, essenze, ultrasuoni, creme e spray protettivi, cercando invano nuove soluzioni fai da te, come il dentifricio.

«Posso definire questo evento catastrofico per Carloforte. Non ricordo sia mai avvenuta una cosa del genere - spiega l'assessore comunale alla Sanità Gianfranco Grosso -. Da quando è iniziata l'estate sono state eseguite ben 16 disinfestazioni. Quella in corso sarà la diciasettesima. Ci risulta che siamo il paese che ha il record di interventi. Colpa della pioggia abbondante e della tropicalizzazione del clima, con forti temporali fuori stagione, per cui le zanzare si sono moltiplicate in maniera esponenziale, soprattutto nelle campagne e dove ci sono stagni e zone umide. Ho chiesto alle autorità regionali di poter intervenire massicciamente per tutta l'isola»