Rivolta del latte, otto pastori denunciati per violenza privata

Hanno impedito l'ingresso di una cisterna nel caseificio Podda a Sestu

SESTU. Otto pastori che avevano bloccato un’autocisterna carica di latte in entrata allo stabilimento del caseificio Podda sono stati denunciati dagli agenti del commissariato di polizia di Quartu alla procura della repubblica per il reato di violenza privata. Il provvedimento è a carico di P.P. (55 anni), M.B.(48), A. F.(54), M.M.(40), M.M.(51), A.C.(45), A.P. (65() e F.B.F.(59).

Lo scorso 19 febbraio durante le proteste messe in atto dagli allevatori per la nota vertenza sul prezzo del latte, la polizia era intervenuta nel caseificio “Ferruccio Podda S.P.A.”, sulla ex statale 131, perché era giunta la segnalazione che una autocisterna contenente latte caprino non poteva accedere all’interno dello stabilimento perché all’ingresso c’era un presidio di pastori che non consentiva l’accesso del mezzo.

I poliziotti avevano mediato con i manifestanti affinché la protesta non degenerasse ulteriormente e per evitare l’impiego della forza pubblica. Il mezzo ha potuto effettuare la consegna solo dopo qualche ora, fatto questo che aveva reso il latte inutilizzabile per la produzione. Nel corso del servizio erano

stati identificati gli otto manifestanti. Sono in corso ulteriori accertamenti su analoghi episodi e su altre manifestazioni con blocchi stradali verificatisi in tutta la provincia di Cagliari nei giorni scorsi, da cui potranno scaturire ulteriori rapporti all’autorità giudiziaria.(l.on)

TrovaRistorante

a Cagliari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community