«Sto meglio in carcere»: evade dalla comunità di recupero e si fa arrestare

L'uomo, un 33enne cagliaritano, si è consegnato alla polizia

CAGLIARI. Evade dai domiciliari in una comunità di recupero perché non ci sta bene e va a consegnarsi in questura chiedendo di essere arrestato e mandato in carcere. Angelo Deidda, 33enne cagliaritano, è stato accontentato: la polizia lo ha arrestato, adesso sarà il giudice decidere cosa fare di lui. Il singolare episodio è di martedì sera. Al 113 è giunta una chiamata da parte di un individuo che riferiva di chiamarsi Angelo Deidda e di essere sottoposto alla misura degli arresti domiciliari in una comunità terapeutica ma che, per problemi di convivenza all’interno della struttura, si era allontanato e si stava recando in questura per costituirsi. Poco dopo infatti lo stesso si presentava all’ingresso dove un equipaggio della squadra volante lo ha identificato

e, tramite le verifiche al centro operativo, i poliziotti hanno avuto conferma che, a seguito di ripristino della misura alternativa, lo stesso doveva espiare la pena presso una comunità di recupero. In giornata è previsto il processo con rito per direttissima. (luciano onnis)

TrovaRistorante

a Cagliari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller