Rapina in un negozio di Domusnovas, bottino 400 euro

La figlia del titolare ha avuto uno scontro fisico con il malvivente, che ha perso gli occhiali ed è stato inquadrato dalle telecamere di videosorveglianza

DOMUSNOVAS. Rapina in un negozio gestito di una famiglia di cinesi, finisce con la reazione della figlia della titolare che ingaggia una colluttazione con il malvivente armato di pistola, presumibilmente arma giocattolo. Le immagini dello scontro fisico vengono riprese dal sistema di video sorveglianza interno, con il risultato che il rapinatore riesce ugualmente a fuggire con il bottino di circa 400 euro prelevati dal registratore di cassa, ma nella colluttazione perde gli occhiali da sole e il travisamento parziale che gli nascondevano in parte il volto e la sua faccia è rimasta ben impressa nelle immagini registrate. E’ un giovane sui 20 anni che adesso i carabinieri della compagnia di Iglesias e della stazione di Domusnovas, diretti dal capitano Di Nuzzo, stanno cercando attivamente.

Il colpo è stato messo a segno poco prima di mezzogiorno nel negozio “Fu Hong”, al centro del paese: una persona a volto travisato si è entrato nel locale e dopo aver puntato la pistola contro la titolare e la figlia 20enne, ha puntato direttamente alla cassa prelevando tutti soldi, banconote e monete, per circa 400 euro. Nell’uscire dal negozio, probabilmente incoraggiata dall’atteggiamento maldestro ed incerto del rapinatore, la figlia della proprietaria ha ingaggiato una colluttazione con il malvivente, riuscendo quasi a bloccarlo; durante queste fasi il rapinatore ha perso gli occhiali da sole usati per il travisamento.

Immediatamente dopo, con il malvivente scappato a gambe levate, sono giunti sul posto i carabinieri della Radiomobile di Iglesias e gli uomini del nucleo operativo della Compagnia. Dall’analisi delle telecamere interne del negozio si è potuto appurare che il rapinatore sia giovanissimo, 20 anni circa, il cui volto è stato inquadrato proprio grazie all’intervento dell’addetta alla cassa. La pistola

utilizzata sembrerebbe non essere vera e le ricerche si stanno concentrando anche sulle telecamere presenti nella zona indicata come via di fuga dai negozianti cinesi. Gli occhiali da sole sono stati affidati al Ris per risalire ad eventuali tracce ottenibili con gli accertamenti tecnici.

TrovaRistorante

a Cagliari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community