Primi alberghi per i pellegrini del Cammino di Santa Barbara

Si chiamano posadas, sono piccoli e a basso costo, come quelli del Cammino di Santiago. Uno nascerà vicino alla miniera di Ingurtosu

CAGLIARI. Cammino di Santa Barbara nel sud Sardegna in versione Santiago di Compostela: anche nell'isola, sulle orme del celeberrimo percorso spagnolo, punti di sosta per dormire per chi si cimenta nelle lunghe passeggiate in mezzo a boschi, miniere e chiesette. Vicino all'oceano Atlantico ci sono hostal e albergue, in Sardegna ecco le «posadas», piccoli alberghi a basso costo per pellegrini ed escursionisti. Una nascerà da un vecchio fabbricato in località Pitzinurri vicino alla miniera di Ingurtosu, una delle mete più belle del percorso sardo.

Tutto a posto, anche formalmente: il comune di Arbus ha concesso lo stabile in comodato d'uso alla Fondazione Cammino minerario di Santa Barbara. E non si perde tempo: con la firma del contratto, grazie alla disponibilità dei lavori del progetto parco Geominerario assegnati dalla Regione, si è dato immediato avvio agli interventi di adeguamento del vecchio fabbricato accanto a un laghetto artificiale. La posizione è ideale e ultra panoramica: da lì è possibile osservare fino al mare la bellezza delle dune di Piscinas.

Con il rilancio della struttura sarà possibile ospitare i pellegrini-escursionisti che percorreranno l'itinerario a piedi, in bicicletta o a cavallo riservando una cura particolare per l'ospitalità e l'assistenza degli animali in vista della prossima attivazione dell'ippovia del Cammino di Santa Barbara.

La scorsa settimana

sono state consegnate a due escursionisti francesi le «torri», premio assegnato a chi completa il cammino: i turisti hanno percorso quattrocento chilometri. Uno di loro ha celebrato il «viaggio» dipingendo otto acquerelli con i paesaggi sardi: sono stati donati alla Fondazione. (ANSA)

TrovaRistorante

a Cagliari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

IL SITO DI GRUPPO GEDI PER CHI AMA I LIBRI

Scrivere e pubblicare libri: entra nella community