Foto

Cagliari-Torino 0-0, un pari prezioso come l'oro

Cagliari. Il pareggio col Torino costituisce una nota di merito per la formazione messa in campo alla Sardegna Arena da Maran priva di alcuni elementi e con altri giocatori non in perfetta forma. Adesso la speranza è recuperare qualcuno degli assenti nella partita di domenica 2 dicembre contro il Frosinone
(foto di Mario Rosas)

LEGGI ANCHE: Il Cagliari si accontenta

C'era una volta Robertina, dallo Zecchino a Telemike

CAGLIARI. Trent'anni fa Robertina era tra i personaggi più popolari del piccolo schermo. Era la tv dei gettoni d'oro, dei due fustini in cambio di uno, delle notti dei telegatti. Ai tempi internet e i social non esistevano, e non c'erano alternative al tubo catodico. E lei, Roberta Gallese, bambina prodigio di Cagliari, era riuscita a ritagliarsi un posto d'onore nella Canale 5 di Mike, Corrado, Sandra e Raimondo. Un piccolo talento che non cantava né ballava. Il suo forte erano le barzellette. Il papà gliele raccontava a casa e lei le ripeteva in pubblico (a cura di Alessandro Pirina)

L'ARTICOLO C’era una volta Robertina, dallo Zecchino a Telemike

Alberto Angela a Barumini: selfie e autografi prima di registrare il programma per Rai1

BARUMINI. Selfie e autografi come una star di Hollywood. E Alberto Angela non si è di certo sottratto all'assalto dei fan che erano presenti ieri a Barumini all'arrivo della troupe televisiva che ha effettuato un sopralluogo prima di registrare alcune puntate in Sardegna per il programma che verrà messo in onda a marzo su Rai1. In particolare a interessare Angela saranno la Reggia nuragica di Barumini e i Giganti di Mont'e prama di Cabras. (foto mario rosas)

L'ARTICOLO

Cagliari, grande rimonta: in evidenza i tre nazionali

A Ferrara un grande Cagliari ha rimontato due reti alla Spal conquistando un punto d'oro in chiave salvezza. In evidenza, oltre a Ionita che ha firmato il pari, anche i tre convocati da Roberto Mancini per i prossimi impegni della nazionale contro Portogallo e Usa. Bene Cragno e Barella, benissimo Pavoletti che ha segnato il 2-1, riaprendo la partita e salendo a quota sei nella classifica dei cannonieri. (a cura di enrico gaviano)

Separazioni coniugali, Sardegna in piazza per dire no al ddl Pillon

CAGLIARI. Un migliaio di persone anche a Cagliari per la manifestazione contro il disegno di legge Pillon che stabilisce nuove regole nella separazione dei coniugi ritenute rischiose per le donne non economicamente autonome e di non facile gestione per la serenità dei figli minori. Per partecipare all'appuntamento in piazza sono arrivati anche da Olbia come dimostra lo striscione del Centro antiviolenza di Olbia.

LEGGI ANCHE No al decreto Pillon

Sabrina Casula, la fotomodella sarda da 100mila follower su Instagram

CAGLIARI. Si chiama Sabrina Casula, ha 25 anni, vive nel Cagliaritano. Nella vita studia all'università (si sta per laureare in Scienze Politiche) e fa la fotomodella, inoltre ha un blog personale. Il suo account Instagram ha superato la cifra impressionante di 100mila follower. Dopo la laurea, Sabrina lascerà la Sardegna per continuare a studiare e arrivare alla specializzazione. «Ho cominciato il mio percorso per caso - racconta Sabrina Casula -, in maniera spontanea condividendo sui social i miei pensieri, qualche mio outfit e attimi della mia quotidianità. Dal momento in cui ho notato che i miei contenuti destavano interesse, ho deciso di fare del mio profilo uno strumento di “influenza” per gli altri. Mi rendo disponibile per consigli, curiosità e per aiuti verso il prossimo rimanendo sempre me stessa con l’umiltà e la semplicità che mi caratterizza. Nei social sono parecchio seguita e in pochissimo tempo ho raggiunto oltre 101mila follower su Instagram! Non posso che essere grata per questo; svegliarmi la mattina e trovare tantissime nuove richieste (avendo un profilo privato, per poterla seguire è necessario inviare una richiesta ndr) mi dà sempre una carica in più per migliorare. Aggiungo potrebbe non sembrare, ma questo richiede tanto impegno, costanza e tempo! È un lento processo di crescita che con la giusta determinazione e con i giusti contenuti un po’ tutti possono realizzare. Parlando di collaborazioni importanti, ne ho avute tante, dagli shooting con noti fotografi alle proposte di partecipazione a vari programmi tv, ma non sempre ho accettato poiché impegnata in altri progetti. Tralasciando il discorso “impegni-lavoro”, l’altra faccia della medaglia è caratterizzata da una Sabrina solare che ama circondarsi di persone semplici, praticare sport, fare lunghe camminate in mezzo alla natura con le cuffie alle orecchie e ama stare in compagnia dei suoi amici. Questi ultimi per me rappresentano un ancora un supporto necessario». (Sabrina Casula su Instagram) (a cura di Federico Spano)

Arianna Lai, da modella in giro per il mondo a responsabile dei social media per una multinazionale

CAGLIARI. Si chiama Arianna Lai, ha 27 anni, è originaria di Sarroch, ma da alcuni mesi vive a Madrid, dove lavora come digital copywriter in un’agenzia di comunicazione. Da quando era giovanissima, allo studio ha affiancato l'attività di modella, che l'ha portata a vivere lunghi periodi dall'altra parte del mondo. Oggi Arianna è la responsabile dei social network del dipartimento italiano di una multinazionale, ma nel tempo libero, oltre a posare ancora come modella, gestisce un account instagram di successo che lei stessa a creato: @spaghetticonjamon. «Quotidianamente pubblico foto che mostrano la mia realtà attuale, e poi, pubblico mini-racconti, taggati #ViteVissuteViteImmaginate - racconta Arianna -. Da questo account Instagram sono nate tante possibilità. La prima è arrivata proprio quest’estate, a soli due mesi dalla nascita di @spaghetticonjamon. Una casa di produzione televisiva spagnola cercava una social media manager che creasse i contenuti per un programma di intrattenimento per ragazzi, in onda adesso su Boing (il programma si chiama L’isola degli eroi), presentato da Lorenzo Baglioni (l’autore de “il congiuntivo”), con il quale ho avuto il piacere di lavorare quotidianamente per le tre settimane di registrazioni in loco. Il programma si girava in Spagna e cercavano persone che oltre ad essere native italiane, avessero un livello avanzato di lingua spagnola. Non è stato il mio curriculum a convincerli, ma ciò che facevo su @spaghetticonjamon. Dopo solo una settimana dalla mail ero in Spagna, con due valigie e tanti sogni da realizzare». Arianna è laureata in Lingue e comunicazione a Cagliari ed è all'ultimo anno della magistrale in Filosofia e Teorie della comunicazione. «Ho iniziato l’università tardi, a 24 anni per l’esattezza - racconta la copywriter sarda -. Il motivo è molto semplice. Non appena diplomata sono partita per Roma, con l’idea di lavorare nella capitale come modella, sogno nel cassetto fin dalla prima adolescenza. La mia ignoranza ha fatto sì che mettessi sullo stesso piatto della bilancia Roma e Milano. Tutto sommato però, dopo un lungo periodo difficile, mi è arrivata un’inaspettata occasione. Un biglietto per l’Asia: un’agenzia di moda di Pechino voleva che stessi lì a lavorare per tre mesi. È stata una dura prova, avevo solo 20 anni quando sono partita per la Cina con il mio passaporto fresco di stampa, con un inglese da "the cat is on the table" e un book di 10 foto. Eppure, da quel viaggio non sono tornata dopo i 90 giorni previsti. Da Pechino, ho chiesto alla mia agenzia madre di trovarmi altre agenzie disposte a farmi un contratto. Così sono arrivate Singapore, Guangzhou, Shanghai, Jakarta, e infine Milano e Dubai. Dopo Dubai, e dopo aver imparato altre tre lingue, ho deciso che era ora di tornare a casa e riprendere in mano gli studi». Cosa c'è nel futuro di Arianna? «Non ho idea di chi voglio essere nel futuro - conclude la giovane di Sarroch -. A volte mi vedo a dirigere il dipartimento di marketing digitale di una qualche impresa, magari la mia, altre volte penso che mi piacerebbe scrivere a tempo pieno, o che mi piacerebbe avere un programma tutto mio su un canale come Real Time. In generale mi piacerebbe fare tutte queste cose insieme, ma forse avrei bisogno di vivere più vite alla volta per farlo. Mi definisco una comunicatrice poliedrica, e in generale mi piace intrattenere, per questo ho trovato in Instagram il canale al momento giusto per me. Il mio consiglio per chi vuole intraprendere un lavoro nel mondo della comunicazione è di affondare le mani nel campo: tutti possiamo comunicare, tutti abbiamo gli strumenti tecnici per farlo, e se nessuno ci dà la possibilità di dimostrare quanto sentiamo di valere, possiamo dedicarci ad un progetto personale che sui social può essere visto potenzialmente dal mondo intero. Resto dell’opinione che i primi a doverci dare una possibilità siamo noi stessi».
(Arianna Lai su Instagram) (a cura di Federico Spano)

TrovaRistorante

a Cagliari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Stampare un libro risparmiando: ecco come fare