Vai alla pagina su Vaccini

Il New York Times accusa: dal M5S crociate contro i vaccini

Renzi rilancia le accuse del quotidiano americano e chiede a Grillo di scusarsi. Ma sul blog il fondatore replica: «Un vaccino obbligatorio contro le fake news»

ROMA. Populismo, politica e morbillo. M5S di nuovo nella bufera per i vaccini e questa volta l’attacco parte dall’estero. È il New York Times a mettere sulla graticola i grillini considerati responsabili di una campagna allarmista sulle vaccinazioni che a furia di spaventare le persone con gli effetti collaterali delle vaccinazioni ha finito per contribuire alla ripresa di malattie come il morbillo che si ritenevano in via di estinzione. Ma Grillo insorge e replica duro dal blog: ci vorrebbe «un vaccino obbligatorio contro le cazzate dei giornali. Non esiste nessuna campagna del Movimento contro i vaccini, né sono mai stati ripetuti falsi legami tra vaccinazioni e autismo». «Si prega il direttore del giornale di dire quali sono le fonti sui cui si basa questa fake news e di chiedere subito scusa per questa bufala internazionale», aggiunge il fondatore-garante del M5S.

M5s e vaccini, Cattaneo: "La campagna di Grillo iniziata 20 anni fa" Il fondatore del Movimento risponde alla polemica sollevata dal New York Times contro le posizioni antivacciniste dei grillini, replicando che si tratta di balle inventate dai giornalisti. "In uno spettacolo, visibile su YouTube, il comico mostrava un grafico sull'incidenza della difterite in America sostenendo che stava scomparendo senza l'uso di vaccini", ricorda Marco Cattaneo direttore di Le Scienze

A rinfocolare le polemiche però ci pensa Matteo Renzi. Ma è tutto il Pd a ribattere a Grillo e ai pentastellati, finiti nella bufera proprio nel giorno in cui Luigi Di Maio, l’uomo che tutti danno come il candidato più probabile a Palazzo Chigi, è ad Harvard per la sua prima conferenza americana. Il riconfermato segretario del Pd sceglie Facebook per il suo attacco. «Per una volta Grillo torna umano, lascia stare i clic e gli algoritmi, rimangiati le parole che hai detto contro i vaccini e le mammografie chiedi scusa a tutti e noi rispetteremo il tuo passo indietro», scrive l’ex premier. Michele Anzaldi, portavoce della mozione Renzi, fa un collage di vari interventi (10) di Grillo durante i suoi spettacoli e di altri esponenti pentastellati tra i quali Paola Taverna e li pubblica come «prove» della posizione contraria alle vaccinazioni del M5S. La controreplica di Grillo arriva sempre tramite comunicato stampa. «Vedo che a distanza di due anni continuano ancora a dare alle mie parole dette durante la marcia per la cittadinanza del 2015 un significato che non hanno mai avuto», spiega Grillo. «Non penso che la mammografia non sia inutile o necessaria, penso che sia utilissima», assicura Grillo.

Quando Grillo metteva in dubbio l'utilità dei vaccini: lo show del 1998 Beppe Grillo parla di vaccini durante "Apocalisse morbida", spettacolo in scena a Milano nel 1998. "Siamo l'unico paese al mondo in cui ci sono 10 vaccini obbligatori - spiega - Tra poco ci obbligheranno anche giocare d'azzardo. La legge sull'ultimo vaccino per l'epatite B è stata autorizzata dal ministro De Lorenzo. La società svizzera Smith Kline gli ha dato 600 milioni perché approvasse l'obbligatorietà di questo vaccino". "Prendi un bambino sano - spiega ancora - e gli inoculi il virus, dove c'è anche un po' di mercurio". "Ci hanno detto - continua - che la difterite stava scomparendo grazie ai vaccini. In realtà le diferite stava scomparendo per i c... suoi. "Nel Medioevo - conclude - era Dio che ti faceva ammalare, non una multinazionale"Leggi: Quel vizietto di Beppe per la salute

Nel frattempo è tutto il M5S a mobilitarsi. Paola Taverna chiede ai militanti di diffondere in rete la vera posizione dei grillini pro vax. Scendono in campo anche i deputati. «Non c’è alcuna piattaforma no-vax come scrive il Nyt, per noi i vaccini sono essenziali e riteniamo che sia responsabilità dei medici che ci sia il più alto numero di vaccinazioni», scrivono gli onorevoli-portavoce M5S. «È una bufala assoluta», aggiunge Roberto Fico che però avverte: «se le vaccinazioni sono calate è colpa di Renzi che ha tagliato 4 miliardi alla sanità. Noi siamo per le vaccinazioni, ma vogliamo che le persone siano informate: del resto se c’è stato un calo dei vaccini è stato sotto il governo Renzi non sotto l’opposizione del M5S».

M5s, Taverna nel 2015: ''C'è una sentenza che sostiene che il vaccino può causare l'autismo'' Intervistata nella trasmissione ''Piazza Pulita'' - nella puntata del 22 ottobre 2015 - la senatrice M5s Paola Taverna, all'epoca nella commissione sanità, rispondeva così alle domande dalla giornalista Alessandra Buccini sui vaccini. Le dichiarazioni della senatrice sono tornate di attualità dopo un articolo pubblicato sul New York Times che approfondisce il legame tra il movimento 5 stelle e lo scetticisimo sui vaccini

Nella polemica si inserisce anche il virologo del San Raffaele, Roberto Burioni. In un post su Facebook, Burioni ricorda che nel 2013 i M5S hanno presentato una proposta di legge nella quale è scritto che “recenti studi hanno messo in luce collegamenti tra le vaccinazioni e alcune malattie specifiche quali la leucemia, intossicazioni, infiammazioni, mutazioni genetiche trasmissibili, malattie tumorali, autismo e allergie». Ma Andrea Cecconi firmatario della legge replica: quelle proposta riguardava solo i vaccini per i militari. «Lo stralcio ripreso da Burioni è tratto dalle conclusioni di una commissione parlamentare sull’uranio impoverito». E in serata il colpo di scena. Sul blog di Grillo appare un video deIl’immunologo Guido Silvestri, docente ad Atlanta, di replica al Nyt: il M5S è al 100% pro vaccini.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro