Bimba contesa: consegnata al padre

Donna si era barricata in casa dopo decisione tribunale Viterbo

(ANSA) - ORISTANO, 3 LUG - I pianti della bambina, la determinazione della mamma a non lasciarsela portare via e le proteste di un piccolo presidio di parenti, amici e compaesani non è bastato a fermare la task-force inviata nell'abitazione di una mamma di 38 anni per eseguire l'ordine del Tribunale di Viterbo che aveva disposto di toglierle la figlia di due anni e mezzo per consegnarla al padre. Non è bastato neanche il parere negativo che già stamattina sarebbe stato espresso dallo psicologo che l'aveva interrogata. La mamma ha provato a resistere chiudendosi nella sua camera da letto con la bambina, ma nel primo pomeriggio ha accettato, non si sa quanto volontariamente,

di essere accompagnata nella caserma della Compagnia di Mogoro (Oristano). Gli sviluppi della vicenda soltanto dopo le 19, quando la bambina è stata portata via per essere riconsegnata al padre, che secondo alcune indiscrezioni sarebbe già in Sardegna per riportarla a Viterbo.

TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Pubblica il tuo libro